Milano, Valentina Caso travolta e uccisa in bici da corsa dal camion del latte: aveva 32 anni

Giovedì 5 Agosto 2021
Travolta e uccisa in bici da corsa dal camion del latte: Valentina muore a 32 anni, era una triatletaa

Tragico incidente a Robecco sul Naviglio, in provincia di Milano. Una ragazza di 32 anni, Valentina Caso, triatleta, è stata travolta e uccisa durante un allenamento in bicicletta da corsa da un camion del latte, nei pressi di una rotonda in via San Giovanni. Sul posto sono intervenuti autoambulanze, automedica e la polizia locale. Come spesso faceva, Valentina Caso, di Magenta, era uscita con la sua bici da corsa per un allenamento nella zona dei Navigli milanesi. Purtroppo all'altezza di una rotonda il tragico impatto con un mezzo pesante che trasportava latte non le ha lasciato scampo. Sul posto è arrivato anche l'elicottero del Suem, ma non c'è stato purtroppo nulla da fare per i soccorritori.

Ubriaco al volante travolge e uccide quattro bambini che giocavano sul marciapiede: 3 erano fratelli

 

Sotto choc anche il conducente del mezzo pesante che è stato trasportato al pronto soccorso.

 

VALENTINA CASO MORTA IN BICI: CHI ERA

La ragazza, appassionata di ciclismo e di triathlon, era iscritta all'associazione «Tapascione running club». In questo periodo  era in fase di preparazione per un Iron Man a settembre, quindi spessissimo la si vedeva uscire con l'amata bicicletta da corsa nelle sue zona.

«Eri uno scricciolo, il nostro scricciolo che non mollava un centimentro in nessuna disciplina», si legge sulla pagina Facebook dell'associazione. E anche: «Sarai sempre la nostra Vale Caso ed il tuo sorriso contagioso resterà scolpito a fondo per sempre in tutti i nostri cuori».

 

Molto conosciuta nel milanese, Valentina Caso era stata iscritta anche con la società di atletica Urban Runners. Anche in questo caso la società ha voluta ricordarla attraverso un commovente post sui social: «Vale, Dolce, solare, sempre sorridente sempre presente con noi e con il tuo nuovo Team, Tapascione Running Team con il quale hai scoperto l’ultima passione, il Triathlon. E come in tutte le cose che facevi ti ci sei buttata a capofitto, con tenacia e dedizione. Lo sguardo fiero sempre avanti, pronta ad affrontare qualsiasi avventura. Minuta ma dal cuore grande non ti tiravi indietro di fronte a nulla. Tanti sono i ricordi, di gare, feste, ritrovi....hai lasciato un pezzetto di te in tutti noi Vale e sarai per sempre nei nostri ricordi. Ci stringiamo alla famiglia, agli amici, ai Tapascioni, a tutte le persone che l'hanno conosciuta e che sono state travolte da una tragedia che lascia senza fiato, senza parole». Sconvolti gli amici e i colleghi runner che la conoscevano e la stimavano per la sua forza d'animo e la voglia di non mollare mai.

 

 

 

Solo l'altro ieri, altro incidente fatale per un ciclista, un ragazzo di 25 anni morto dopo essere stato investito da un trattore che stava effettuando una manovra lungo la strada provinciale che da Voghera porta a Corana (Pavia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA