Violenta 12enne amica della figlia, calci e pugni dai familiari della vittima e poi l'arresto

Lunedì 23 Agosto 2021
Violenta amichetta 12enne della figlia, calci e pugni dai familiari della vittima e poi l'arresto

Ha abusato di una dodicenne e prima di essere consegnato alle forze dell'ordine è stato preso a calci e pugni dai familiari della vittima della violenza che sono andati a cercarlo a casa per una "spedizione punitiva". Teatro della vicenda il rione Pilastro, alla periferia di Bologna. L'uomo, un 30enne italiano, è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria. Gli viene contestata la violenza sessuale.

 

Violenta donna in casa davanti alla figlia di tre anni: la polizia richiamata dal pianto della bimba lo blocca

 

Violenta amichetta 12enne della figlia: arrestato

In base alla ricostruzione della Polizia, l'uomo - padre di una coetanea amica della vittima - ha abusato dalla giovane nella sua abitazione qualche giorno fa. Quando la dodicenne, sabato mattina, ha raccontato al padre la violenza subita, come riferisce il Resto del Carlino, questi ha chiamato a raccolta alcuni familiari e si è presentato a casa del 30enne. Dopo avergli chiesto conto dell'accaduto, il gruppo, una trentina di persone, ha trascinato l'uomo fuori dal suo appartamento per aggredirlo in strada con calci e pugni.

 

 

L'intervento delle forze dell'ordine

Alcuni residenti a quel punto hanno chiamato la centrale operativa del 113 per segnalare la rissa. Oltre alle pattuglie, sul posto, è arrivato anche il 118 che ha soccorso il 30enne. La 12enne è stata accompagnata in ospedale per accertamenti. Il 30enne, che avrebbe ammesso l'accaduto riferendo che la vittima era consenziente, è stato sottoposto a fermo, oggi l'udienza di convalida. La polizia, che sta indagando ancora sull'episodio, ha requisito i cellulari dell'uomo e della ragazza. Secondo il quotidiano, la famiglia del 30enne ha lasciato la città.

Ultimo aggiornamento: 20:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA