Willy Monteiro, trovate tracce di sangue sui vestiti dei fratelli Bianchi e dei loro amici

Martedì 29 Settembre 2020 di Valentina Errante
Willy Monteiro, trovate tracce di sangue sui vestiti dei fratelli Bianchi e dei loro amici

Ci sono macchie di sangue sugli abiti indossati, nella notte tra il 5 e il 6 settembre, dai quattro indagati per la morte di Willy Monteiro Duarte. Secondo i primi accertamenti del Ris dei carabinieri, che non hanno ancora eseguito la comparazione con il dna della vittima, le tracce sui vestiti di Marco e Gabriele Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia sarebbero un'ulteriore prova della responsabilità dei quattro, accusati di omicidio volontario, per i quali ora la procura di Velletri potrebbe chiedere il processo con rito immediato.

Willy Monteiro aveva «fegato e cuore spaccati». Dall'autopsia l'orrore degli ultimi minuti di vita
Willy, i fratelli Bianchi in celle protette. Lite con un detenuto, rischiano il linciaggio: «Sono pericolosi»

Tra le ipotesi al momento più credibili, Willy Monteiro Duarte, sarebbe morto per soffocamento. Il sangue che gli si è riversato nei polmoni non gli avrebbe più permesso di respirare. L'esame autoptico realizzato dal medico legale Saverio Potenza a Tor Vergata il 9 settembre è stato effettuato su un corpo devastato dai colpi molti dei quali, ciascuno, ipoteticamente avrebbe potuto cagionare la morte del giovane.
 

Video

C'è da capire quali tra questi, ha fatto prima degli altri a togliere la vita al 21enne italo capoverdiano residente a Paliano. La vicenda è quella dell'omicidio di Willy avvenuto nella notte tra il 5 e il 6 settembre in via Oberdan a Colleferro, quando il giovane, al termine di una serata trascorsa con gli amici nei locali del centro, è stato selvaggiamente picchiato e ucciso. Alcune ore dopo sono stati arrestati quattro giovani di Artena: i fratelli Gabriele e Marco Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. Indagati per omicidio volontario, i primi tre sono in carcere a Rebibbia, Belleggia è ai domiciliari.

Ultimo aggiornamento: 30 Settembre, 00:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA