Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Oligarchi, 3 yacht congelati a Imperia, Trieste e Sanremo. Il Demanio: «Spese eccessive, siamo preoccupati»

«La norma non è stata pensata per disciplinare una situazione similare. Stiamo cercando di fare del nostro meglio»

Mercoledì 4 Maggio 2022
Oligarchi, 3 yacht congelati a Imperia, Trieste e Sanremo. Il Demanio: «Spese eccessive, siamo preoccupati»

L'Italia ha congelato tre yacht di proprietà di oligarchi russi, che sono dislocati tra Imperia, Sanremo e Trieste. Le imbarcazioni sono la "Lady M" di proprietà dell'oligarca Andrei Mordashov, la "Lena" di Gennady Timchenko e la "Yacht A" ricollegata a Andrey Melnichenko. L'Agenzia del Demanio, individuata dal D.Lgs. 109 del 2007 (modificato dal D.Lgs. 90/2017) quale soggetto ordinariamente competente alla custodia, all'amministrazione e alla gestione delle risorse economiche oggetto di congelamento, fa il punto della situazione con l'Adnkronos.

«Il decreto legislativo, seppure faccia riferimento a presupposti di applicabilità molto ampi, di certo non poteva prevedere eventi di straordinaria drammaticità quali quelli che oggi si è chiamati a fronteggiare. Siamo ovviamente preoccupati, anzi molto preoccupati, data la straordinarietà della situazione, l'entità dei beni sottoposti a congelamento, la natura dei beni che per quanto riguarda le imbarcazioni/navi non rientrano nelle ordinarie competenze dell'Agenzia, la norma che non è stata pensata per disciplinare una situazione similare. Stiamo cercando di fare del nostro meglio».

 

Prime spese per le navi congelate

Nel frattempo però l'Agenzia del Demanio, che ancora non ha imbarcato nuovo personale sui mega yacht, ha già dovuto affrontare le prime spese per l'originario equipaggio di bordo corrispondendo «il primo importo per il personale dell'imbarcazione denominata "Yacht A", poiché è rimasto presente a bordo quasi al completo dal momento della comunicazione del provvedimento. L'amministratore sta provvedendo per i mesi successivi col personale a bordo».

 

Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 12:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA