Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sgomberata la palazzina Enel da anni occupata da Casapound

Mercoledì 20 Aprile 2022
Sgomberata la palazzina Enel da anni occupata da Casapound

E' tornata nella disponibilità dell'Enel la palazzina di piazza Santa Maria Goretti a Latina che da anni era occupata da Casapound. L'ufficiale giudiziario si è presentato accompagnato dalle forze dell'ordine e dai legali dell'Enel che hanno ripreso il possesso della struttura. Gli attivisti di Casapound avevano ottenuto un ulteriore mese di proroga e avevano di fatto già liberato l'immobile nei giorni scorsi. 

La decisione di procedere allo sfratto era stata presa a gennaio scorso nel corso di un vertice in Prefettura al quale erano presenti i responsabili provinciali delle forze dell’ordine, il vicesindaco del Comune di Latina, il Capo di gabinetto della Provincia, il responsabile dell’Ufficio notifiche, esecuzioni e protesti del Tribunale, il referente di Enel Italia srl, proprietaria dello stabile e il Direttore del Dipartimento prevenzione della Asl.

L’immobile di quattro piani che si trova a ridosso della chiesa di Santa Maria Goretti di proprietà dell’Enel era stato occupato dagli esponenti di Casapound nel dicembre 2006 e da lì era partita una battaglia legale culminata con una sentenza del giudice del Tribunale che nel 2007 aveva disposto la restituzione della palazzina ai legittimi proprietari ma quel dispositivo è rimasto lettera morta fino a questa mattina. Come voleva il tavolo tecnico l'occupazione si è risolta in modo pacifico. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA