Assalto alle spiagge, tutto esaurito a Sabaudia

Lunedì 29 Giugno 2020 di Ebe Pierini
Assalto alle spiagge, tutto esaurito a Sabaudia

L’estate ai tempi del covid sul litorale tra Sabaudia e Circeo è all’insegna del tutto esaurito. Esauriti i posti auto sul lungomare, esauriti i posti in spiaggia. Un vero e proprio assalto agli arenili pontini favorito anche dal ponte di San Pietro e Paolo che ha spinto molti romani a riversarsi su questi lidi. Spiagge stracolme di gente e distanziamento sociale non sempre rispettato. Insomma le regole anti covid spesso sono disattese. Per conquistarsi un posto al sole è necessario giungere in spiaggia prestissimo. A metà mattinata è già impossibile trovare un parcheggio.

Ed infatti, nel week end, numerosi sono stati coloro che hanno posteggiato l’auto sulle dune, in posizioni che costituivano pericolo ed intralcio per la circolazione, in strade dove vige il divieto di sosta. Purtroppo quest’estate, causa coronavirus, tutti i parcheggi di scambio situati a pettine lungo le principali vie di accesso al lungomare, hanno scelto di non riaprire e questo sta provocando una congestione enorme del traffico al mare.

Il Comune di Sabaudia ha deciso di istituire due mega parcheggi gratuiti a Campo di Marte e nelle adiacenze del teatro del Mare, a poca distanza dalla spiaggia, ma molti, per pigrizia o per mancanza di informazione, hanno scelto di non usufruire di questa opportunità per cui il lungomare è diventata una bolgia infernale. Sulla spiaggia di Sabaudia inoltre andrebbe aumentato il numero dei cassonetti per i rifiuti che, soprattutto sulla spiaggia libera, risultano non sufficienti. Così come sono totalmente assenti le rastrelliere per il posizionamento delle bici che consentirebbero di usufruire di una mobilità ecologica. Il Parco Nazionale del Circeo si era impegnato a provvedere all’acquisto e si spera che ciò avvenga entro l’estate.

Per quanto riguarda la partenza delle app di prenotazione della spiaggia libera dovrebbero partire i primi di luglio sia a San Felice Circeo che a Sabaudia. Il sindaco di Sabaudia, Giada Gervasi, ha preannunciato che, se la gente non sarà in grado di autogestirsi dopo l’avvio della app, saranno previsti dei varchi lungo le principali vie di accesso al lungomare. Intanto sulla spiaggia ieri circolavano indisturbati venditori di cocco e di altri tipi di merce in barba ad ogni disposizione anti covid. Ma il problema non riguarda solo il grande afflusso di persone in spiaggia. Anche le città sono prese d’assalto. Le strutture ricettive sono tutte piene e lo stesso vale per supermercati e locali.

Grande afflusso anche nel centro storico di San Felice Circeo, soprattutto la sera. In molti lamentano però la presenza di assembramenti, lo scarso uso delle mascherine e l’assenza di controlli con il rischio che possano avvenire contagi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA