Aurora Ramazzotti e l'errore sul mese di gravidanza: «Mi vogliono far partorire subito»

Aurora darà alla luce il suo primogenito a gennaio

Aurora Ramazzotti replica ad un titolo di un articolo che la vede al 7° mese di gravidanza : ecco perchè
Aurora Ramazzotti replica ad un titolo di un articolo che la vede al 7° mese di gravidanza : ecco perchè
Lunedì 7 Novembre 2022, 13:39 - Ultimo agg. 20:30
3 Minuti di Lettura

Che Aurora Ramazzotti sia incinta ormai è fuori di dubbio. Ma sul mese di gravidanza c'è chi fa ancora confusione e la figlia di Eros e Michelle Hunziker non perde l'occasione per ironizzare. Tra le story Instagram, Aurora ha pubblicato il titolo di un articolo che la vede protagonista: «Al settimo mese di gravidanza...» riporta il titolo. Ma lei replica: «Questi mi vogliono far partorire subito». 

Leggi anche > «Belen e Stefano De Martino si vedevano quando stavamo ancora insieme», Antonino Spinalbese choc al Gf Vip

Aurora darà alla luce il suo primogenito a gennaio. E proprio in questi mesi d'attesa, si sta godendo un po' di relax col suo compagno Goffredo Cerza, mettendo in pausa lo stress del trasloco. Nei giorni scorsi ,infatti, la coppia è partita alla volta della montagna, scegliendo come meta della fuga autunnale un resort a Sauris di Sotto, in Friuli Venezia Giulia. Tra passeggiate per sentieri, foliage e aria pulita, Aurora ha colto anche l'occasione per condividere con i followers la foto con i progressi del suo pancino. Un pancino più che visibile.

Già in precedenza Aurora aveva mostrato una silouette di profilo in cui le rotondità erano ben visibili, e ora i fan non vedono l'ora di continuare a seguirla in questo meraviglioso viaggio. 

 

Gli incubi

Com'è solita fare, Aurora Ramazzotti racconta ai followers anche i suoi problemi. Uno in particolare riguarda la gravidanza: «Da quando sono incinta faccio incubi tutte le notti. Tutte le paure che non si manifestano di giorno me le ricorda il mio inconscio di notte. Poi svegliandomi tre, quattro volte per andare in bagno o ne ricomincio uno nuovo oppure faccio il sequel di quello appena finito. È normale?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA