Audrey Hepburn a 30 anni dalla morte: i 5 look indimenticabili (che ancora oggi copiamo)

Dalle ballerine al tubino nero perché Audrey resta un'icona senza tempo

Audrey Hepburn a 30 anni dalla morte: i 5 look indimenticabili (che ancora oggi copiamo)
Venerdì 20 Gennaio 2023, 11:49 - Ultimo agg. 13:00
4 Minuti di Lettura

Ci sono donne e look che rimangono senza tempo. Icone. E Audrey Hepburn, icona di stile, di eleganza e di grazia, incarna perfettamente questa definizione forse come nessun'altra diva nella storia del cinema.  A 30 anni dalla sua morte, l'attrice, scomparsa il 20 gennaio del 1993 nella sua casa in Svizzera, continua a vivere per sempre, non solo attraverso i film ma anche nei guardaroba grazie a capi intramontabili, emblema del suo stile. La sua frangetta, il suo pixie cut, le sue sopracciglia sono, ancora nel 2023, riferimenti per le fashion victim del mondo tanto da prendere il suo nome: la Audrey bangs, le Audrey brows. Senza contare che le star del Terzo Millennio prendono in prestito molto da lei quando hanno bisogno di sentirsi chic, sapendo che se si guarda in direzione Hepburn, anche in fatto di bellezza, non si può mai sbagliare: ne sono un esempio Lily Collins, Zoe Kravitz e Meghan Markle

E allora ecco i 5 capi intramontabili lanciati da Audrey che ancora oggi sono attualissimi. 

Il tubino nero

Non si può non iniziare con il black dress più famoso della storia: quello indossato da Holly Golightly in Colazione da Tiffany. Lei che si sofferma davanti alle vetrine di Tiffany & Co (con un croissant in mano), sfavillante con la sua collana di perle, occhiali da sole, guanti lunghi e abito nero, è entrata nella storia. È in quel momento l’abito nero classico è diventato un must da vere sempre nell'armadio:  senza tempo e senza età.  Proprio come lei. 

 

Le ballerine

Quando una selezione dei suoi abiti e oggetti personali vennero messi all’asta da Christie’s nel 2017, dal suo guardaroba vennero fuori una serie di ballerine in pelle declinate nei colori dell’arcobaleno, dal celeste al verde smeraldo passando per il giallo sole, che indossava con tutto, dai pantaloni cropped alle gonnelline fluttuanti ai blazer boxy. Fuori dal set Audrey Hepburn incarnava l'eleganza della semplicità: amava i pantaloni a sigaretta, i foulard e i trench, che sfoggiava in ogni variante di taglio e colore. Le ballerine preferite? Soprattutto quelle di Salvatore Ferragamo.

Il cerchietto

Il cerchietto è tornato di moda negli ultimi anni grazie a stilisti come Prada, Fendi e Simone Rocha, che l’hanno scelto per le loro sfilate. Anche se amava indossare a volte preziose tiare, Hepburn sapeva apprezzare anche la bellezza più discreta del cerchietto, che poteva essere un modello basic con fiocco, ma anche una semplicissima fascia di tessuto bianco per tenere indietro i capelli quando faceva gli esercizi alla sbarra.

La camicia bianca oversize

La camicia era un'altra delle passioni di Audrey Hepburn: annodata in vita come in Sabrina, ma anche over indossata sulle gambe nude e magari con un gioiello o due, (o, come in Colazione da Tiffany, con una mascherina per gli occhi turchese, decorata con ciglia dorate).

La cintura a vita alta

In Vacanze romane (1953), il film che fece diventare Hepburn una star mondiale, l’attrice interpreta accanto a Gregory Peck il ruolo di una principessa che si libera dai suoi impegni istituzionali per andarsene in giro per Roma di nascosto. Il viso acqua e sapone di Hepburn illumina lo schermo, l’ eleganza semplice di una blusa abbinata a una gonna a ruota , strizzata in vita. E qui i dettagli sono importanti: le maniche della camicetta arrotolate con nonchalance, il fazzoletto a righe sbarazzino al collo, un cono di gelato in mano, e sullo sfondo le viuzze pittoresche della capitale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA