Gemelli record, nati da embrioni congelati 30 anni fa. Sono i neonati «più vecchi del mondo»

I genitori: «Ci piaceva l'idea di salvare vite intrappolate»

La famiglia Ridgeway
La famiglia Ridgeway
di Sofia Raffa
Martedì 22 Novembre 2022, 16:03 - Ultimo agg. 17:38
5 Minuti di Lettura

Lydia e Timothy Ridgeway sono nati solo poche settimane fa, ma avrebbero potuto crescere nell'era di Yahoo! e Blockbuster sulle note di I Will Always Love You di Whitney Houston. I gemelli dell'Oregon, nati il 31 ottobre, hanno stabilito un nuovo record mondiale per i bambini nati dagli embrioni più vecchi: 29 anni e 10 mesi.

Fecondazione assistita, nel Lazio si potrà chiedere fino a 46 anni

Gemelli nati da embrioni congelati 30 anni fa


I neo-genitori Philip e Rachel Ridgeway,  che avevano già quattro figli, hanno raccontato al Post di essersi sentiti chiamati ad avere altri bambini e di voler aiutare soprattutto quelli che chiamano «bambini bisognosi». Ma non si aspettavano di stabilire un record. «Ci piaceva l'idea di salvare vite intrappolate», ha detto Philip, 35 anni e sviluppatore di software, al The Post.

La scelta


La coppia ha scelto l'opzione più vecchia disponibile presso il National Embryo Donation Center (NEDC), un'organizzazione no-profit di Knoxville, Tennessee, che fornisce embrioni donati alle coppie che desiderano un figlio.  «Conoscevamo le informazioni di base -sui genitori genetici- come l'altezza e il peso, ma non le usavamo come criteri per scegliere», ha detto Rachel, una mamma casalinga di 34 anni vicino a Portland, in Oregon.


Erano più interessati a sapere, come ha detto Rachel, «quanto tempo hanno aspettato gli embrioni?». I Ridgeway sapevano anche che il padre biologico aveva creato gli embrioni con una donatrice di ovuli e li aveva congelati il 22 aprile 1992, ma che era deceduto prima che gli embrioni nascessero vivi. Gli embrioni sono stati poi donati alla NEDC, un'organizzazione cristiana che prende gli embrioni - gratuitamente - e li fornisce alle coppie che desiderano avere figli. (Non a tutte le coppie però: NEDC offrirà embrioni e successivi trasferimenti di FIV solo a coppie eterosessuali sposate da tre anni e che abbiano completato uno studio domestico).

Il processo 

Spesso, dopo aver deciso che la loro famiglia è completa, i pazienti di FIV si trovano di fronte alla difficile scelta di cosa fare con gli embrioni congelati rimasti: tenerli in ghiaccio per sempre, lasciarli scongelare, donarli alla scienza per la ricerca o donarli a persone che non riescono a concepire da sole. Oltre a salvare gli embrioni congelati dalla potenziale distruzione, la donazione può essere più economica di decine di migliaia di dollari rispetto alla FIV convenzionale, perché gli embrioni sono già stati creati.


Alcune persone, tra cui i cristiani evangelici come i Ridgeway, ritengono che gli embrioni siano esseri viventi e molti Stati anti-aborto hanno promulgato «leggi sulla personalità» per proteggere i diritti degli embrioni. A causa di questo torbido terreno morale, molti pazienti che creano embrioni sono riluttanti a disfarsi dei loro embrioni inutilizzati, il che ha creato una crisi di stoccaggio degli embrioni. Il NEDC, che attualmente detiene circa 6.000 embrioni, cita uno studio che stima che negli Stati Uniti ne siano conservati circa 1.000.000.


«Quando abbiamo intrapreso questo processo, volevamo trovare gli embrioni più indesiderati», ha detto Rachel. «Cercavamo embrioni che avevano bisogno di una casa perché erano stati trascurati». Il processo viene talvolta definito «adozione di embrioni». «L'idea di dare alla luce il proprio figlio adottivo era fantastica per me», ha detto Rachel. Sebbene la coppia avesse già tre figli (Naomi, 8 anni; Joshua, 6 anni; Eliora, 3 anni; e Miriam, che compirà 2 anni a dicembre) nel 2020 ha deciso di valutare l'adozione embrionale. 


«Ho avuto tre figli senza problemi durante la gravidanza, quindi ho pensato che l'adozione embrionale fosse una grande opportunità per noi», ha detto Rachel, che, dopo aver iniziato il processo, ha scoperto di essere incinta di Miriam. «Non credo che abbiamo mai considerato l'adozione tradizionale», ha detto Philip. «Tutti gli embrioni congelati sono esseri umani e come tali hanno bisogno di un padre e di una madre, e in questa situazione eravamo sicuri di poter soddisfare questa esigenza». 

Gli embrioni

Il set scelto dai Ridgeway comprendeva in realtà cinque embrioni, che sono stati scongelati il 28 febbraio 2022, quasi 30 anni dopo essere stati congelati per la prima volta. Tre sono sopravvissuti al processo e sono stati trasferiti nell'utero di Rachel, dando vita a una gravidanza gemellare.  Alla domanda se si sentisse nervosa per la salute degli embrioni ben maturi durante la gravidanza, Rachel ha risposto: «Non più che con gli altri miei figli».

«È possibile congelare gli embrioni a tempo indeterminato», ha dichiarato al Post Michael A. Thomas, presidente della Società americana di medicina riproduttiva. «Dicevo scherzosamente alla gente che si possono trasmettere gli embrioni ai pronipoti che non si conosceranno mai, perché gli embrioni possono essere congelati per lunghi periodi di tempo. Il tasso di scongelamento è migliorato nel tempo, ma gli embrioni che si scongelano dovrebbero essere abbastanza forti per essere trasferiti».

La scienza 

La nascita di due gemelli congelati per 29 anni e 10 mesi da parte dei Ridgeway batte il precedente record stabilito da un'altra coppia del NEDC, Tina e Ben Gibson, la cui figlia, Molly, è nata da un embrione di 27 anni nell'ottobre 2020. Il dottor John David Gordon, direttore medico di Southeastern Fertility, la clinica che supervisiona tutti i trattamenti NEDC, ha dichiarato che questo caso dovrebbe dare speranza alle persone. «Lavoro nel campo dell'infertilità da oltre 25 anni e questi embrioni sono stati congelati quando ero ancora in formazione come specializzando in ginecologia a Stanford. È incredibile», ha dichiarato il dottor Gordon, sottolineando che questo caso «dovrebbe rassicurare i pazienti che si chiedono se qualcuno sarebbe disposto ad adottare embrioni creati 5, 10, 20 anni fa. La risposta è un sonoro sì!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA