Paola Barale: «Mi davano 1 milione a sera per fare la sosia di Madonna. La tv? Se non segui il gregge diventa difficile»

Dopo l'eliminazione da Ballando con le Stelle, la showgirl si racconta senza filtri

Paola Barale, dagli esordi alla pausa dalla tv: «Per fare la sosia di Madonna mi davano 1mln a sera. In tv se non segui il gregge è difficile»
Paola Barale, dagli esordi alla pausa dalla tv: «Per fare la sosia di Madonna mi davano 1mln a sera. In tv se non segui il gregge è difficile»
Venerdì 25 Novembre 2022, 09:38 - Ultimo agg. 26 Novembre, 17:54
4 Minuti di Lettura

È diventata famosa per essere la sosia di Madonna eppure le sue performance da dancer non hanno convinto. È stata squalificata da Ballando con le Stelle, Paola Barale ma i riflettori non si sono spenti. Un'eliminazione che nessuno si aspettava, essendo partita lei come favorita, ma il capitolo Ballando non è ancora chiuso. «Spero nel ripescaggio. Temo di essere un diesel». Il suo insegnate, Roly Maden, l'aveva definita «lenta a imparare» e a lei quella frase non era proprio andata giu' e in diretta a Domenica In lo ha zittito a suon di «meglio che non parlo». Ora l'occhio di bue che la illumina è quello del teatro dove Paola si sta esibendo in “Se devi dire una bugia dilla grossa”, e dal palco scagiona anche il suo insegnante. «Roly ha avuto un'uscita infelice ma credo sia colpa della sua scarsa padronanza della lingua». Ma visto che per dire le bugie devi essere molto abile, dopo aver tentato di usare parole concilianti verso il maestro, non manca la frecciata. «C'è chi è lento a imparare una salsa in tre giorni e chi una lingua in 20 anni». 

Domenica In, lite tra Paola Barale e il suo insegnante a Ballando. Lui: «È lenta a imparare». Lei reagisce male: «Meglio che stai zitto»

Paola Barale, dagli esordi alla pausa dalla tv

Bionda, biondissima da sempre, i suoi look (tagli di capelli soprattutto) sono sempre stati tra i piu' copiati, Paola Barale è stata un'icona vera. Ha deciso di tornare in tv dopo anni in cui aveva fatto sentire la sua assenza e ha deciso di farlo in un talent che l'ha messa a dura prova. «Le aspettative che ci sono su di me sono legate a un'immagine di tanti anni fa che non mi rappresenta piu': sono sempre io ma sono cresciuta». Si racconta senza filtri al Corriere la showgirl che si è fatta conoscere ai telespettatori al fianco di Mike Bongiorno, piuttosto che Maurizio Costanzo

 

È partita essendo la sosia di Miss Ciccone, e seppur non ci si sia mai sentita rappresentata le è servito tantissimo. «Se non fosse esistita Madonna oggi sarei un'insegnante di ginnastica. Lei ai tempi era unica, senza considerare che ballava benissimo. Non era facile per me ma l'ho fatto perché all'epoca mia madre mi dava 5mila lire di mancia a settimana mentre per fare Madonna mi davano 1 milione (di lire) a sera». E la somiglianza era palese, bastava un rossetto rosso per far si che la showgirl di Fossano si strasformasse nella regina delle pop star. «Grazie a questo lavoro ho preso il mio primo aereo. Mi ritrovavo con gli altri sosia, quelli di Michael Jackson, Grace Jones, eravamo un gruppo. Mia mamma mi cuciva i costumi. Ma una volta un imprenditore di Parigi, fan di Madonna, mi chiamò per uscire da una torta e lì ho detto basta».

Ballando con le Stelle, lo sfogo di Paola Barale e Roly Maden: «La giuria è molto dura con noi»

Il futuro

Poi è arrivata la tv e tutti hanno voluto la Madonna Made in Italy al loro fianco. Dopo 25 anni lo stop perché ormai nelle trasmissioni televisive di questi anni la Barale non ci ritrova piu'. «Se non segui il gregge diventa difficile». E lei che da ragazzina si faceva i buchi alle orecchie da sola in ascensore, perché i genitori non volevano, ha messo da parte, forse, quell'animo ribelle, ma non perderà mai la sua leggerezza, perchè Paola Barale è bella così. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA