Molla tutto per diventare un tiktoker: ora Faffapix ha 13 milioni di followers. «Ma i miei si sono arrrabbiati»

Fabio Farati ha mollato un posto fisso e un buono stipendio per inseguire il suo sogno e dopo una brutta malattia adesso si gode il successo raggiunto con tanto impegno e coraggio

Faffapix, molla tutto per diventare un tiktoker con 13 milioni di follower: «I miei genitori si sono arrabbiati»
Faffapix, molla tutto per diventare un tiktoker con 13 milioni di follower: «I miei genitori si sono arrabbiati»
di Redazione Web
Mercoledì 7 Dicembre 2022, 22:43
5 Minuti di Lettura

Fabio Farati ha mollato tutto per dedicarsi alla piattaforma più amata dai giovanissimi: TikTok. Con intelligenza è diventato l'imprenditore di se stesso e ha un seguito da più di 13 milioni di follower. Un successo che è arrivato non senza fatica. Con una malattia tremenda nel mezzo, Fabio ha avuto il coraggio di lasciare un lavoro sicuro andando contro anche al parere dei suoi genitori e di tutti gli altri che adesso ha ripagato i suoi sforzi, mettendo a frutto la sua creatività.

Leggi anche > «Sono caduta in un tombino e mi sono spaccata la vag**a»: l'incredibile racconto choc di una tiktoker

La storia di Faffapix

Il suo nome sul web è un gioco di parole: Faffa, come lo chiamano gli amici e Pix, la sua società (Pix Vision srl). Un business solido e una pioggia di richieste di collaborazioni da celebrità e brand importanti. Questo è Fabio Farati, 26enne nato a Granarolo dell'Emilia, ma ormai proiettato nella grande Los Angeles dove i content creator come lui trovano le opportunità migliori. «Sono sempre stato affamato», confida al Corriere della Sera parafrasando il famoso monito di Steve Jobs.

Nonostante i social siano entrati nella sua vita «senza aspettative, come entrano nella vita di ogni ragazzo. Ho studiato elettrotecnica alle Aldini - racconta - automazione e packaging, tutta un’altra cosa». Poi è arrivato subito il lavoro: tecnico trasfertista in Ima, colosso del packaging della famiglia Vacchi. Un buon salario e opportunità di carriera. «Ho scaricato TikTok nel 2018 - continua il suo racconto - ci giocavo, come tutti». Realizza e pubblica video divertenti, fatti di battute con gli amici, scherzi, uso di effetti che girano sulla piattaforma che spiazzano e fanno sorridere, «magie» dell’audiovisivo. Piace e, da subito, non solo in Italia. 

@faffapix Replying to @Kyleigh Gutierrez Pt. 2 Have you ever been in Las Vegas? #lasvegas #statueofliberty #vegas ♬ Replica (feat. El Alfa) - CJ

I successi e la malattia

E dopo averlo scaricato per gioco, si è reso presto conto che i follower e il seguito aumentavano. Dopo un anno Faffapix ha già 150mila follower, e arriva la prima offerta da un’azienda di abbigliamento portoghese, gli chiede video in slow motion dove appare il marchio. Capacità tecnica, idee e visibilità in cambio di denaro. La commissione che segna una svolta viene dalla Regione Marche: realizza un video all’interno delle Grotte di Frasassi per esaltarne la bellezza e incentivare il turismo. «Hanno avuto grande successo». Poi nel febbraio del 2020 ha raggiunto il traguardo di un milione di follower, mentre stava affrontando la grave malattia che lui chiama «l'incidente». A fine 2019 ha passato due settimane in ospedale con il cervello attivo e il corpo immobile, che non rispondeva. Vedeva doppio. Si era svegliato così, i giorni più bui della sua vita. Fabio aveva la sindrome di Miller-Fisher, ma poi fortunatamente si è ripreso, dopo mesi di riabilitazione e convalescenza durissimi. E dopo aver superato un ostacolo così duro ha deciso di spiccare il volo seguendo il suo sogno.

Il licenziamento

Dopo la convalescenza e in pieno lockdown, Fabio ha preso sempre più consapevolezza dei suoi mezzi sui social e la sua popolarità è decollata. «A maggio 2020 decido di licenziarmi - racconta, ancora al Corriere -. I miei naturalmente si arrabbiano, dicono che sono sciocco a sperare di campare facendo il “Tiktoker”, non si capacitano. A Ima il mio capo è allibito, non so quante volte mi abbia chiesto se ero sicuro, ma io ero convinto. Nessuno, tranne mia sorella e la mia ragazza credevano in me». E non sono state le uniche a credergli. Milioni di fan da tutto il mondo hanno iniziato a credere al suo progetto nel mondo dei social network e Fabio diventa sempre più un'unica cosa con Faffapix. Iniziano le sue incursioni su YouTube e Instagram e crederà in lui anche Mondadori che gli commissiona un libro per ragazzi e lui inventa la storia di un supereroe che va indietro nel tempo (Backman e l’amore oltre il tempo). Ci credono «vip» come Del Piero, J-Ax, Elettra Lamborghini o la super star statunitense Jason Derulo che vogliono figurare nei suoi video. E pure Gianluca Vacchi, che non poteva sospettare che quel giovane brillante era stato dipendente dell’azienda di famiglia. La camera di commercio italiana a Los Angeles, poi, lo premia come «Italian excellence». I suoi video divertono e ipnotizzano e anche altri hanno iniziato a ricredersi diventando i suoi fan numero uno: «Adesso sì, anche i miei genitori sono contenti». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA