Allarme suicidi, social sotto accusa: una ragazza su Instagram salva chi è in pericolo

Giovedì 21 Novembre 2019
La ragazza norvegese che monitora i profili Instagram

«Era il mio cuore», piange la madre di Andrine, una ragazza norvegese che si è uccisa prima di compiere 18 anni. E accusa Instagram e quei gruppi in cui si mostrano foto di suicidi e atti di autolesionismo. «Lì imparano come tagliarsi e imitano quelli che lo fanno». Ben 14 ragazzi norvegesi che si sono uccisi erano legati a una di queste community on line, rivela un'inchiesta della Bbc sugli adolescenti che si sono tolti la vita: “The Instagram network suicide”, è il titolo, il network dei suicidi su Instagram. Un'emergenza che riguarda altri paesi, tra cui la Gran Bretagna dove sono 22 gli account connessi al profilo di Andrine.    

Anoressia, come curare quelle bambine che vogliono sparire

«Non starò a guardare mentre una persona dice che si toglierà la vita», dice alla Bbc una 22enne norvegese, Ingebjørg Blindheim che monitora Instagram e segnala alla polizia chi parla di suicidio. Segue 450 account privati, molti giovani manifestano il desiderio di farla finita. Lei non lavora per Instagram, né è una professionista, ma ha sofferto di disturbi alimentari e vuole dare il suo aiuto a chi sta vivendo situazioni simili alla sua.  Le community on line spesso mostrano ragazzi che si fanno male, si tagliano e spiegano come fare per nascondere le ferite e fare in modo che gli altri se ne accorgano i più tardi possibile. Instagram vieta la pubblicazione di immagini di suicidi, ma i ragazzi postano foto astratte che fanno comunque pensare alla morte. In una settimana e mezzo sono state individuate - riporta l'inchiesta della Bbc - 48 immagini del genere.

Noa e il mal di vivere degli adolescenti: è allarme suicidi

U'emergenza, quella dei suicidi tra i ragazzi. Dal 2010 il numero di adolescenti che si è tolto la vita in Inghilterra e Galles è aumentato del 67 per cento. Nel 2018 ci sono stati 187 suicidi di ragazzini sotto i 19 anni (il 15 per cento in più rispetto all’anno precedente) e a Londra il tasso dei suicidi adolescenziali è aumentato in tre anni del 107 per cento, la prima causa di morte per quella fascia d’età. Ian Russell, il padre di Molly - una 14enne inglese che si è tolta la vita nel 2017 - ha accustao Instagram di «avere aiutato la figlia a uccidersi». Il suo account era pieno di immagini  inquietanti sulla depressione e il suicidio. Nei giorni scorsi Instagram ha annunciato che avrebbe rimosso, insieme alle immagini di autolesionismo anche disegni, cartoon e meme che richiamano pratiche estreme, disordini alimentari e suicidi, e che un algoritmo avrebbe evitato di proporre siti e argomenti a questi correlati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA