L'appello dal carcere di Narges, attivista iraniana per i diritti: «Siamo 12 donne contagiate dal Covid senza cure»

Sabato 18 Luglio 2020 di Maria Lombardi
L'appello dal carcere di Narges, attivista iraniana per i diritti: «Siamo 12 donne contagiate dal Covid senza cure»

Narges Mohammadi, attivista iraniana per i diritti umani, in carcere dal 2016 lancia un drammatico appello: «Siamo 12 donne contagiate dal coronavirus, senza cure e assistenza». Narges è già in condizioni critiche di salute e da quando è finita in prigione più volte è stata ricoverata in ospedale per embolia polmonare e un distrubo neurologico di cui soffre. Ora si è ammalata di Covid.

Narges Mohammadi è una sostenitrice della campagna contro la pena di morte e vicepresidente del centro per i difensori dei diritti umani in Iran. É stata arrestata a maggio 2015 e nel 2016 condannata a 16 anni. Collaboratrice di Shirin Ebadi, Premio Nobel per la Pace nel 2003, portavoce e vicepresidente del Centro per la difesa dei diritti umani, nel 2008 è stata eletta presidente del comitato esecutivo del Consiglio Nazionale della pace in Iran. La sua “colpa” è di aver invocato l’abolizione della pena di morte.

LA LETTERA
«Siamo 12 donne contagiate dal coronavirus - scrive dal carcere -  L’11 luglio hanno separato le donne prigioniere del carcere di Zanjan. Noi siamo complessivamente 18 donne in questo carcere. Sei donne non avevano i sintomi della malattia e sono state trasferite in un’altra sezione del carcere. Noi 12 donne, che da circa 11 giorni presentiamo i sintomi della malattia, siamo praticamente in quarantena in questa sezione del carcere. La settimana scorsa, viste le nostre condizioni di salute e con l’insistenza delle nostre famiglie, ci hanno fatto il test. Non abbiamo comunque ricevuto fino ad oggi i risultati. Oggi improvvisamente sono entrate alcune persone nel carcere e ci hanno separato nuovamente. Una donna in condizioni cliniche preoccupanti è stata trasferita giovedì scorso in ospedale e successivamente rilasciata su cauzione a seguito della diagnosi di Covid. In circa un mese abbiamo avuto 30 nuove persone che sono entrate in questo carcere, di cui alcune con sintomi da coronavirus ed almeno una di loro con diagnosi certa di Covid, che è stata successivamente rilasciata a causa del peggioramento delle sue condizioni di salute. Noi 12 donne presentiamo sintomi di affaticamento eccessivo e dolore addominale, diarrea, vomito, perdita di olfatto. Non abbiamo accesso alle cure adeguate né ad una alimentazione corretta. La mancanza di strutture mediche, la mancanza di spazio per la quarantena per nuove entrate e la mancanza di controllo sanitario ha causato la diffusione del coronavirus. Chiedo al Signor Namaki, Ministro della sanità, di inviare un rappresentante per prendere visione della situazione nella prigione femminile di Zanjan. Vorrei inoltre denunciare per vie legali le condizioni difficili ed intolleranti della prigione di Zanjan, ove mi trovo da circa 6 mesi, e la mancanza di cure mediche. In questo periodo, per l’esplicita richiesta del Ministero dell’Intelligenza e della Magistratura, non mi consentono né di comprare carne a mie spese né di sentire i miei figli per telefono. Non sento la voce dei miei figli da quasi un anno. Ora sono anche contagiata con coronavirus, senza cure mediche».

Iran, padre strangola figlia con la cintura. «Aveva alzato troppo la voce»

Due ragazze decapitate in Iran in tre giorni, una uccisa dal padre e l'altra dal marito

Lo scorso aprile 2020, ricorda Articolo21 che pubblica la lettera, un team di esperti sui Diritti Umani delegati dalle Nazioni Unite avevano inviato una lettera alla Repubblica Islamica dell’Iran per chiedere la liberazione di Narges e di altri prigionieri politici. Ma il Governo iraniano aveva dichiarato che erano stati liberati solo coloro che stavano scontando condanne a meno di cinque anni, mentre i prigionieri politici e quelli accusati di condanne più pesanti, legate alla partecipazione a proteste antigovernative, sarebbero rimasti in prigione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA