Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Altaroma al via post Covid, Silvia Venturini Fendi: «Manifestazione ricca di audacia e coraggio»

Mercoledì 16 Settembre 2020
Altaroma al via post Covid, Silvia Venturini Fendi: «Manifestazione ricca di audacia e coraggio»

Parte la nuova edizione di Altaroma, la prima post Covid. La Fashion Week romana ha aperto oggi i battenti e andrà avanti fino al 17 settembre. Una tre giorni «ricca di eventi, in presenza e on line, con una certa dose di audacia e coraggio, con grande senso di responsabilità per mettere in contatto i nostri 88 designer e brand con addetti ai lavori, con la stampa, con i buyer provenienti da 26 diversi Paesi», ha spiegato la presidente Silvia Venturini Fendi inaugurando la kermesse. Lo scopo è sempre uno, primario: dare opportunità ai giovani creatori. «È giusto che i giovani sentano vicino le istituzioni, gli investimenti pubblici e Altaroma è una sorta di tramite, un ascensore professionale», ha spiegato Venturini Fendi. 

Altaroma al via dal 15 settembre, il calendario di sfilate ed eventi a Roma


Questa volta le sfilate si svolgono nella nuova location di Palazzo Brancaccio, tra i giardini e lo spazio Field ma si potrà seguire l’intera manifestazione in simultanea collegandosi alla piattaforma digitalrunway.altaroma.it che sarà attiva come programmazione in streaming.

Il cuore di questa ripartenza, come spiegato dalla sindaca Virginia Raggi,
«è la ricerca di nuove sinergie e sperimentazioni anche tra le istituzioni». «Dobbiamo cominciare a valorizzare le realtà esistent - ha aggiunto - In Italia ci sono tre poli, Milano, Firenze e la capitale. Roma può dare spazio all'innovazione e a quella creatività che forse i big hanno già sperimentato. I giovani possono lavorare anche attraverso l'utilizzo delle tecnologie, della sapiente ricerca di materiali, un'occasione anche per dare finalmente spazio al nostro territorio».

 

Ultimo aggiornamento: 00:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA