Profumi di primavera: rosa, ambra, agrumi e fiori. Le tendenze e la riedizione dell'iconico Chanel N°5

Mercoledì 23 Marzo 2022 di Veronica Timperi
Profumi di primavera: rosa, ambra, agrumi e fiori. Le tendenze e la riedizione dell'iconico Chanel N°5

La primavera è sbocciata e con essa i profumi che circolano nell’aria portando una ventata di nuovo ottimismo.

Un po’ come succede per l’armadio, anche nel mondo del beauty e delle fragranze è tempo di cambio di stagione, di scegliere la primavera che più ci rappresenta e che, a distanza di tempo, evocherà questo periodo, quasi fosse la nostra seconda pelle. D’altronde, come diceva Victor Hugo, “nulla sveglia un ricordo quanto un odore”. Le essenze dalle note dolci, persistenti e aromatiche tipicamente invernali lasciano il posto a profumazioni dove a essere protagoniste sono le note floreali, tocchi agrumati che rimandano ai giardini mediterranei e ad altri leggermente ambrati. Un viaggio dei sensi che dona una nuova leggerezza e che impone, anche alle più tradizionaliste, di di rinnovarsi. Per questa primavera il fiore più celebrato nei profumi è la rosa, spesso abbinata in modo inusuale con spezie e agrumi, creando un effetto romantico e positivo. È un inno alla felicità e alla gioia di vivere il nuovo Oui La Vie est Belle di Lancôme (99,46 euro), una fragranza esaltata dall’accostamento di due dei fiori più nobili e preziosi della profumeria: l’essenza di Rose d’Isparta e un ricercato concentrato di Iris Pallida. Nelle note di fondo la dolcezza avvincente della vaniglia del Madagascar si combina con l’essenza del Patchouli di Bali. Sensuale e romantica insieme è la fragranza Rosa Carnivora di Dries Van Noten (240 euro), appena arrivata sul mercato. Creata dal naso Daphne Bugey, unisce note di testa come pepe rosa e rosa a quelle di cuore con vetiver e fiori, mentre le note di base profumano di Parchouli e Labdano. L’accordo di Rosa in Born in Roma Coral Fantasy di Valentino (89 euro) rivela una fragranza luminosa, femminile e moderna, un invito a scoprire la magia della città eterna al tramonto. A dare un tocco esotico a questa essenza per lo più floreale è il kiwi, unito a note aromatiche di semi di ambretta e muschi, e a un cuore couture di Gelsomino. Chi è alla ricerca di un profumo frizzante, dai toni fruttati, non può non amare Dolce&Gabbana con il suo Dolce Lily Eau de Toilette (41,24 euro) che celebra il giglio rosa, simbolo di femminilità e gentilezza con l’esotico frutto della passione e un fondo di muschi morbidi e sensuali. Invoca la primavera a suon di viola, mimosa e iris, Viola essenziale di Salvatore Ferragamo. A completare il bouquet le note delle pesche di vigna, il litchi, l’eliotropio, il giglio, il vetiver, il patchouli e la vaniglia. Chi ama le firme olfattive persistenti, decise e super femminili, trova in Gucci Guilty Eau de Parfum Intense Pour Femme (146 euro) un fedele alleato per sedurre. Si tratta di una fragranza ambrata floreale legnosa, dove mandarancio e litchi si uniscono alle note cipriate di violetta, all’ylang ylang e la tuberosa esaltati dall’accordo di prugna e da essenze legnose e intense. Chi è in cerca di un’essenza che possa rivelare tutto il proprio romanticismo, seducendo con mix ambrato e floreale, può optare per il nuovo profumo di Bulgari, Allegra Baciami (200 euro), in cui la nota olfattiva della gardenia incontra la vaniglia donando grande sensualità alla fragranza. Le meno coraggiose, quelle che amano i grandi classici e non se la sentono di cambiare, possono però provare a evolversi con fragranze iconiche rinnovate, proprio come l’intramontabile Chanel n°5 (a partire da 74 euro) che, per i suoi 100 anni, propone una nuova interpretazione, più moderna e fresca. Ecco che il limone, il mandarino e l’arancia si librano verso il cielo grazie all’utilizzo delle aldeidi, per unirsi poi con la rosa, il gelsomino impalpabile e note di ylang-ylang, vetiver, legno di cedro e muschi bianchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 24 Marzo, 09:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA