Airbnb, risarcimento da 7 milioni di dollari a una turista violentata in casa vacanze

Mercoledì 16 Giugno 2021
Stupro in casa vacanze, Airbnb risarcisce con 7 milioni la vittima

Il colosso statunitense dell'ospitalità, Airbnb, ha pagato un risarcimento di sette milioni di dollari (circa 5,8 milioni di euro) ad una turista australiana che aveva prenotato un appartamento a New York ed era stata violentata sotto la minaccia di un coltello durante la prima notte del suo soggiorno. Secondo quanto riportano i media internazionali, la donna aveva preso le chiavi dell'appartamento da un vicino negozio la sera di Capodanno del 2015 ed era uscita insieme ad alcuni amici per festeggiare il nuovo anno.

Tenta di abusare di una ragazzina, arrestato a Priverno un uomo di 37 anni: ha rischiato il linciaggio

L'aggressore, Junior Lee, un 24enne che era in possesso delle copie delle chiavi dell'appartamento, nel frattempo era entrato nella casa ed aveva attaccato la ragazza al suo rientro poco dopo la mezzanotte. Secondo l'accordo di risarcimento, che è stato raggiunto nel 2017, la donna non può fare causa a Airbnb, nè al proprietario dell'appartamento in questione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA