Amazzonia in fiamme, Bolsonaro ci ripensa: «Pronto ad accettare aiuti del G7»

Mercoledì 28 Agosto 2019
Amazzonia in fiamme, Bolsonaro ci ripensa: «Pronto ad accettare aiuti del G7»

Il Brasile è disposto ad accettare gli aiuti dei paesi esteri per contrastare i terribili incendi che stanno devastando la foresta amazzonica. Ad annunciare il dietrofront è stato, come riporta La Repubblica, il portavoce del presidente Jair Bolsonaro, Otavio Rego Barros, dopo che il Brasile aveva detto no agli aiuti offerti dal G7 a Biarritz, in Francia, definendoli un modo per interferire negli affari interni del Paese. «Il governo brasiliano tramite il presidente Bolsonaro è aperto a ricevere supporto finanziario da organizzazione e anche da nazioni. Il punto essenziale - ha avvertito il portavoce - è che questi soldi che entrano in Brasile siano sotto il controllo del popolo brasiliano».

LEGGI ANCHE Amazzonia, Brasile rifiuta dal G7 fondi per 20 milioni
 

 

Le scuse di Macron a Bolsonaro non sono condizione necessaria per un dialogo tra Brasile e G7 sull'offerta di aiuti contro gli incendi in Amazzonia: lo affermano dalla presidenza brasiliana, chiedendo però il rispetto della sovranità: «Qualsiasi leader che non sia il leader del nostro paese e che fa commenti su come il nostro governo deve definire le sue azioni deve capire che qui esiste una amministrazione che sa quali sono le sue necessità, e che accetterà queste risorse se si valuta che la loro gestione sarà nostra», ha spiegato il portavoce di Bolsonaro. 

Ultimo aggiornamento: 12:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA