L'attacco di Hamas in Israele, la ricostruzione del Guardian: così gli ordini sono stati tenuti segreti fino all'ultimo

Il piano elaborato da un pugno di leader era sconosciuto ai combattenti fino all'alba del 7 ottobre

L'attacco di Hamas in Israele, la ricostruzione del Guardian: cos gli ordini sono stati tenuti segreti fino all'ultimo
L'attacco di Hamas in Israele, la ricostruzione del Guardian: cos gli ordini sono stati tenuti segreti fino all'ultimo
Martedì 7 Novembre 2023, 18:32 - Ultimo agg. 9 Novembre, 08:44
9 Minuti di Lettura

I primi ordini sono stati impartiti prima delle 4 del mattino: chiunque avesse frequentato le sessioni di formazione regolari e non avesse intenzione di partecipare alle preghiere dell'alba nelle moschee abituali, doveva andare a pregare. Un’ora dopo, quando il cielo cominciava a schiarirsi su Gaza e le congregazioni cominciavano a disperdersi, furono impartite nuove istruzioni. Anche questi erano passati principalmente attraverso il passaparola: porta le tue armi e tutte le munizioni che hai e riuniscile in punti di riferimento specifici. Ma ancora a nessuno era stato detto cosa stava per succedere. 

Israele, fidanzati scampati alla strage del rave: «Senza gambe, ma vivi». La storia del calciatore e la studentessa

L’operazione al-Aqsa Flood, l’operazione più ambiziosa lanciata da Hamas da quando l’organizzazione estremista islamica aveva preso il controllo di Gaza nel 2007, era ancora segreta. Lo spiega in un lungo articolo di Jason Burke sul quotidiano britannico "The Guardian". Il piano era stato formulato da un pugno di veterani e incalliti leader di Hamas ed era ancora sconosciuto agli uomini, la cui violenza stava per mandare in frantumi ogni barlume di calma o di progresso verso una nuova stabilità in Medio Oriente. Era sconosciuto anche ai tanto decantati servizi militari e di intelligence di Israele.

LA STRATEGIA DI ATTACCO

La decisione di impartire istruzioni verbalmente a migliaia di militanti di Hamas sparsi tra i 2,3 milioni di abitanti di Gaza è stata l'ultima di una serie di misure progettate per ingannare uno dei sistemi di sorveglianza più potenti del mondo. Le istruzioni si sono diffuse a cascata in tutta Gaza, impartite prima ai comandanti dei “battaglioni” di cento o più persone, poi ai capi di plotoni di 20 o 30, che hanno comunicato ai comandanti di squadra a capo di una dozzina di miliziani, che hanno passato il messaggio agli amici, ai vicini e ai parenti che si erano uniti a loro nelle esercitazioni bisettimanali tenute in dozzine di località dell'enclave. Solo quando gli uomini si sono riuniti sono state distribuite munizioni extra e armi più potenti. Molti avevano maneggiato armi del genere nei mesi precedenti e le avevano restituite agli arsenali di Hamas dopo ogni lezione. Ben presto hanno iniziato a trasportare granate a mano e con propulsione a razzo, mitragliatrici pesanti, fucili di precisione ed esplosivi. Alle 6 del mattino sono stati impartiti gli ordini finali, in questo caso scritti: gli uomini dovevano correre attraverso i varchi che presto sarebbero stati fatti saltare o sfondare la recinzione perimetrale da un miliardo di dollari intorno a Gaza e attaccare soldati e civili israeliani dall’altra parte.

Sottomarino nucleare schierato dagli Usa in Medio Oriente: cos'è la classe Ohio e come funziona

FALLIMENTO DELL'INTELLIGENCE ISRAELIANA

Questo resoconto dei primi momenti degli attacchi terroristici del 7 ottobre in Israele è tratto da molteplici fonti, inclusi incontri con funzionari dell'intelligence israeliana, esperti, fonti con conoscenza diretta dei resoconti degli interrogatori dei combattenti di Hamas catturati durante gli attacchi. Sebbene molte affermazioni siano difficili da verificare e siano state contestate, esperti rispettati e indipendenti di Hamas hanno descritto il racconto come plausibile. Sottolinea la portata della pianificazione dietro l’operazione e spiega in parte i molteplici fallimenti delle forze di sicurezza israeliane che hanno portato alla morte di 1.100 loro compatrioti civili e di 300 loro compagni d’armi. Un fattore è stato l’enorme numero di coloro che hanno attraversato la recinzione: alcune fonti dicono fino a 3.000, inclusi membri della Jihad islamica palestinese (PIJ), una fazione alleata ma indipendente che non è stata informata in anticipo degli attacchi, ma si è unita una volta a conoscenza della violazione della recinzione. Anche i civili si sono riversati fuori da Gaza nel caos generale, incoraggiati dalla lenta risposta delle forze di sicurezza israeliane.

Ordini scritti spiegavano alle unità di Hamas un piano preciso elaborato da due uomini ritenuti da Israele i principali pianificatori dell'attacco: Yahya Sinwar, il capo generale di Hamas nell'enclave, e Mohammed Deif, il comandante delle sue forze armate.

 

TRA GLI OBIETTIVI NON C'ERA IL RAVE

Ad ogni unità veniva assegnato un obiettivo separato: una base militare, un kibbutz, una strada o una città. Spesso i loro ordini erano accompagnati da mappe che mostravano i dettagli delle difese e dei luoghi chiave all'interno dei loro obiettivi, attingendo a informazioni derivate da simpatizzanti che lavoravano in Israele. Si ritiene che il rave in cui morirono 260 persone non fosse tra gli obiettivi iniziali. A un primo gruppo è stato ordinato di sopraffare le basi militari israeliane, impreparate e senza personale, intorno a Gaza, o di attaccare i civili nelle loro case. Hamas ha attribuito gran parte della violenza sui civili – e delle atrocità tra cui stupri e torture – ai “criminali” che hanno seguito i suoi aggressori. Le forze di difesa israeliane hanno diffuso un interrogatorio con uno dei prigionieri catturati che ha spiegato che "la missione era uccidere... chiunque vedessimo". L'uomo ha poi descritto di aver sparato ai bambini.
Ad altre unità è stato ordinato di difendere le posizioni contro le forze militari israeliane quando arrivavano, spesso con imboscate sulle strade principali. Non si è trattato di una missione suicida, in quanto la morte degli attentatori non era parte integrante dell'operazione, un punto della legge islamica che gli ideatori dell'operazione avevano attentamente considerato (come hanno confermato le fonti citate da "The Guardian").
Un terzo gruppo è stato incaricato di sequestrare quanti più ostaggi possibile e di portarli nei varchi della recinzione dove squadre dedicate stavano aspettando di nasconderli nel vasto complesso di tunnel sotto Gaza. Si ritiene che qui siano detenute più di 240 persone, tra cui neonati, bambini e anziani, nonché personale militare. Finora solo 4 sono stati rilasciati e uno salvato.

GLI APPOGGI ALL'ESTERO

Funzionari della sicurezza israeliani ritengono che la leadership politica di Hamas all'estero non sia stata informata dei dettagli dell'operazione, e nemmeno gli sponsor di Hamas in Iran, sebbene entrambi fossero probabilmente consapevoli che si stava progettadno qualcosa. La pianificazione dell'attacco - secondo quanto dice Hamas - è iniziata due anni fa, dopo le incursioni della polizia israeliana nella moschea al-Aqsa di Gerusalemme, il terzo luogo più sacro dell'Islam. Fonti israeliane affermano che il lasso di tempo era più breve – forse un anno o 18 mesi – e che durante questo periodo è stato fatto uno sforzo per rafforzare la convinzione israeliana secondo cui Hamas aveva spostato la sua attenzione dalla violenza contro Israele allo sviluppo economico di Gaza. Il ruolo esatto dei diversi leader nell'attacco deve ancora essere stabilito, ma è chiaro che Sinwar e Deif erano centrali nella sua pianificazione.

I PIANIFICATORI DELL'ATTACCO

Deif significa “ospite”, in riferimento al costante peregrinare del 58enne per evitare di essere scoperto da Israele. Membro di Hamas fin dai vent'anni, l'ex studente di scienze ha supervisionato un'ondata di attentati suicidi contro civili israeliani all'inizio degli anni '90, e un'altra dieci anni dopo. Deif potrebbe essere stato paralizzato da uno dei tanti tentativi di omicidio israeliani, e sua moglie e la sua giovane famiglia sono state uccise in un attacco aereo nel 2014. Funzionari israeliani hanno descritto Deif, il cui vero nome è Mohammed Diab Ibrahim al-Masri, come “un uomo morto che cammina”.
Sinwar, 61 anni, anche lui membro fondatore di Hamas – acronimo di Movimento di resistenza islamica – ha trascorso 23 anni in carcere per aver ucciso soldati israeliani prima di essere rilasciato tra più di 1.000 prigionieri scambiati nel 2011 con Gilad Shalit, un soldato israeliano catturato da Hamas cinque anni prima. In prigione, Sinwar si rifiutava di parlare con qualsiasi israeliano e puniva personalmente coloro che lo facevano, premendo il volto di una persona contro una stufa improvvisata. "È impegnato al 1.000% e violento al 1.000%, un uomo molto, molto duro", ha detto un testimone. Al suo rilascio, Sinwar ha detto che la sua esperienza gli aveva insegnato che catturare i soldati israeliani era l'unico modo per liberare i prigionieri. Un giornalista che incontrò Sinwar dieci anni fa disse al "Guardian" che il leader di Hamas era così concentrato su questo obiettivo che era come se “il mondo non esistesse oltre i suoi occhi”.

GLI ALTRI OBIETTIVI GEOPOLITICI

Gli analisti hanno affermato che altri obiettivi degli attacchi del 7 ottobre includevano probabilmente l’interruzione degli sforzi per normalizzare le relazioni tra Israele e Arabia Saudita, indebolendo ulteriormente l’Autorità Palestinese, distraendo dall’incapacità di Hamas di fornire servizi o di rompere il blocco di Gaza, e provocando una violenta reazione da parte di Israele che mobiliterebbe i propri sostenitori a Gaza, in Cisgiordania e altrove. Cinque giorni dopo l'attacco, un leader di Hamas ha affermato che si è trattato di un attacco preventivo lanciato dopo che l'organizzazione aveva appreso che le forze israeliane stavano preparando un grande assalto a Gaza dopo la festività ebraica di Sukkot. Molti esperti hanno detto che Hamas è rimasto sorpreso dal suo successo. La lentezza della risposta ha consentito ad alcune unità di effettuare più viaggi in Israele da Gaza per riportare indietro altri ostaggi. Alcuni dei civili che sono entrati in Israele hanno anche fatto prigionieri, complicando gli attuali sforzi di salvataggio e i negoziati.

LE TECNOLOGIE USATE

Hamas ha dotato gli aggressori di telecamere GoPro per catturare le immagini dell'attacco. Alcune delle immagini raccapriccianti recuperate dagli investigatori israeliani mostrano maltrattamenti sadici e omicidi. Un montaggio ufficiale di questo filmato, diffuso da Hamas, mostra persone terrorizzate che implorano per la propria vita e un cane che viene ucciso. La diffusione di queste immagini sui canali ufficiali di Hamas suggerisce che l'attacco del 7 ottobre sia stato, almeno in parte, “propaganda attraverso i fatti”, hanno detto gli esperti di terrorismo. Non ci sono prove che Hamas sperasse di mantenere il territorio o di innescare un’insurrezione più ampia, anche se ad alcuni è stato detto di combattere fino alla fine. Nonostante ciò, un numero significativo si è arreso. I funzionari israeliani non diranno quanti, solo che questi prigionieri sono stati un'utile fonte di informazioni. Hamas ha ordinato ad alcuni aggressori di ritirarsi mentre le forze israeliane cominciavano a radunarsi e molti alti comandanti tornavano a Gaza. Ciò significava che, sebbene molti membri delle brigate Qassam e delle unità Nukhba morissero, la maggior parte dei leader è rimasta in vita. Da allora, alcuni sono stati uccisi nell’offensiva dell’IDF a Gaza, che finora ha causato la morte di oltre 9.770 persone, tra cui più di 4.000 bambini, secondo le autorità sanitarie locali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA