Nel 2024 i primi taxi volanti a decollo verticale: le sperimentazioni in Italia e Inghilterra

Il prototipo è in fase di sviluppo in Inghilterra per mano della compagnia Skysports, finanziata dai proprietari di Ryanair

Nel 2024 i primi Taxi Aerei a decollo verticale: le sperimentazioni in Italia e Inghilterra
Nel 2024 i primi Taxi Aerei a decollo verticale: le sperimentazioni in Italia e Inghilterra
di Fausto Caruso
Martedì 15 Novembre 2022, 10:56 - Ultimo agg. 11:08
3 Minuti di Lettura

Le auto volanti saranno presto realtà? È una promessa che i film di fantascienza fanno sin dalla metà del secolo scorso, ma in Inghilterra c’è chi promette di realizzare finalmente l’impresa in meno di 2 anni. Skyports Urban Air Mobility, azienda finanziata dalla famiglia Ryan, proprietaria della compagnia di voli low cost Ryanair, ha dichiarato che entro il 2024 entrerà in un funzione il suo aerotaxi elettrico a decollo verticale, con un anticipo di sei anni rispetto alla data inizialmente prevista del 2030.

Casa al centro della rotonda, famiglia vive lì da 40 anni: «Uscire dal viale è pericoloso, ma non ce ne andiamo»

Il prototipo può trasportare fino a quattro persone e in questo momento è in fase di sperimentazione all’aerodromo di Elsetree, appena fuori Londra, non lontano dagli studi cinematografici in cui è stato girato Star Wars. L’aerotaxi è a decollo verticale e non richiede dunque una pista di atterraggio, è in grado di volare per oltre 25 chilometri dai sobborghi di Londra fino al cuore della City. L’obiettivo è quello di offrire un servizio che eviti ai clienti il traffico della metropoli – per chi potrà permetterselo beninteso. Skysports, fondata solo nel 2018, ma già all’avanguardia nel settore della mobilità aerea, sta già lavorando alla costruzione dei suoi “Vertiporti” a Singapore, Parigi e negli Stati Uniti. In Inghilterra è in fase di trattativa con il Servizio Nazionale del Traffico Aereo per ottenere i permessi per utilizzare l’aeroporto londinese di Heatrow.

Volocopter, primi test per il taxi volante a Roma. Da Fiumicino passeggeri in 20 minuti fino al centro della Capitale

Un salto nel futuro

Sprizza soddisfazione Duncan Walker, fondatore e dirigente della compagnia: «Le persone sono sempre state scettiche sulla mobilità aerea urbana, ma quello che abbiamo qui è qualcosa che non si è mai visto da nessun’altra parte. Siamo a un passo dalle operazioni commerciali», ha dichiarato al tabloid britannico Daily Star. Skyports è fiera di essere riuscita ad acquisire in poco tempo un ruolo guida in quello che un portavoce ha definito «l’ecosistema della mobilità aerea urbana», che comprende anche la costruzione e lo sviluppo dei vertiporti. «Il servizio droni di Skysports utilizza già la tecnologia dei droni per aiutare le aziende a sviluppare i loro affari e la logistica attraverso la raccolta di dati chiave. Siamo già attivi nelle consegne nella aeree rurali e nel settore marittimo», ha proseguito. «Tutto ciò è pioneristico», ha aggiunto Dirk Horke, dirigente della compagnia partner Volocopter. «La nostra missione è di non attendere il 2030 come la maggior parte degli operatori del settore si aspetta, ma di essere in volo entro il 2024». La stessa Volocopter, insieme ad Aeroporti di Roma, UrbanV e Atlantia lo scorso 6 ottobre aveva sperimentato un mezzo simile in Italia, quando è stato effettuato il volo di prova di un aerotaxi eVOLT, che sempre dal 2024 dovrebbe consetire il collegamento tra l'aeroporto di Fiumicino e il centro della Capitale. Addio traffico dunque? Tra 18 mesi vedremo se le promesse di Skysports prenderanno il volo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA