Bambina si risveglia mentre è in corso il suo funerale: portata in ospedale, muore poco dopo

La famiglia della piccola si è rivolta a un giudice per appurare le responsabilità dei medici

Bambina si risveglia mentre è in corso il suo funerale: portata in ospedale, muore poco dopo
Bambina si risveglia mentre è in corso il suo funerale: portata in ospedale, muore poco dopo
Giovedì 25 Agosto 2022, 18:21 - Ultimo agg. 26 Agosto, 16:43
3 Minuti di Lettura

I medici hanno dichiarato morta  una bambina di 3 anni ma il giorno del funerale la famiglia ha notato che il vetro della bara di cristallo dove era stato riposto il corpicino si appannava. Trasportata in ospedale però la bambina non ce l'ha fatta ed è stata dichiarata morta per la seconda volta. È la storia al limite dell'assurdo di Camila Roxana Martinez Mendoza, una bambina di tre anni residente in Messico. I familiari e la madre Mary Jane Mendoza ora accusano l'ospedale "Salinas de Hidalgo Basic Community Hospital" di aver causato la morte della piccola e si sono rivolti a un avvocato per chiedere giustizia.  

Covid, si sveglia dal coma quando stanno per staccare le macchine: per la donna non vaccinata era pronta la lapide

La bambina era andata in ospedale con vomito e febbre

L'incubo della piccola Camila era iniziato il 17 agosto, quando i genitori l'hanno portata dal pediatra perchè aveva febbre, vomito e mal di pancia. Trasportata all'ospedale Salinas, era poi stata dimessa con la prescrizione di paracetomolo. Ma in serata la sua situazione si è aggravata, e dopo aver consultato un altro medico Camila è stata nuovamente portata al pronto soccorso a Salinas la sera tra le 21 e le 22. "Ci hanno messo molto ad ossigenarla, non riuscivano a fare una terapia endovenosa perchè non riuscivano a trovare le sue piccole vene" racconta la mamma.

Stando al racconto di Mendoza la notte gli infermieri e i medici avrebbero messo Camila in una stanza separata, chiusa a chiave dove la mamma non poteva entrare. Il giorno dopo la piccola è stata dichiarata morta per disidratazione.

Dichiarata "morta" due volte 

Dopo la dichiarazione di morte della piccola è stato organizzato il funerale per il giorno successivo. È allora che la madre ha visto il vetro della bara appannato e altri partecipanti hanno notato che gli occhi di Camila si muovevano: prendendole il polso si sono accorti che il cuore della piccola batteva ancora. Trasportata d'urgenza all'ospedale però la bambina non ce l'ha fatta. Nonostante i tentativi di rianimazione, i medici la hanno dichiarata morta di nuovo, questa volta per edema celebrale.

Aperta un'inchiesta 

L'intera famiglia è devastata dal dolore, Camila doveva iniziare il primo giorno d'asilo la prossima settimana. Hanno chiesto i documenti all'ospedale e si sono rivolti a un avvocato: “Quello che voglio davvero è che sia fatta giustizia. Chiedo solo che i medici, gli infermieri e i direttori vengano cambiati affinché non succeda più”. Sul caso indaga la procura dello stato di  San Luis Potosí che ha disposto un'autopsia. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA