Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bunker, boom di richieste in Francia e Svizzera: «Vogliono mettersi al riparo da pericoli nucleari e radiologici»

L'azienda francese leader del settore, Amesis Bat: "Ne chiedono uno ogni 20 minuti"

Lunedì 21 Marzo 2022
Bunker, boom di richieste in Francia e Svizzera: «Vogliono mettersi al riparo da pericoli nucleari e radiologici»

Con la guerra in Ucraina i bunker «familiari» dell'azienda francese leader del settore, Amesis Bat, vanno a ruba. Secondo il «patron», Enzo Petrone - intervistato oggi da Le Parisien - «ce ne chiedono uno ogni 20 minuti, mentre il ritmo normale è di una decina al mese». Il conflitto in Ucraina e la possibilità di un attacco russo in Francia spinge i francesi al rimedio estremo, un bunker per mettere al riparo se stessi e i propri familiari da pericoli «nucleari, radiologici, biologici, chimici ed esplosivi».

Rifugi antiaerei e bunker, dove sono in Italia? A Roma una dozzina di siti, a Monte Soratte il tunnel militare superprotetto. La mappa

I bunker antiatomici esistono in Italia? Dalle ville di Mussolini ai tunnel borbonici, ecco la mappa segreta

Il «business» è partito da un bunker costruito nel 2014 nel sottosuolo di un giardino di un grande terreno privato in banlieue di Parigi, in cemento. Doveva proteggere la famiglia del proprietario il quale - affittando gran parte dei 70 posti del rifugio - ha ammortizzato la spesa dell'investimento. Ultimamente gliene restavano una trentina, che sono stati assegnati in pochi giorni dall'inizio della guerra in Ucraina.

Nonostante il piccolo «boom», la percentuale di francesi che sarebbe protetta nel caso di un pericolo di guerra o di contaminazione nucleare è bassissimo, «vicino allo zero», dice il responsabile di un'altra azienda produttrice, Artemis, che in soli 15 giorni ha ricevuto 700 richieste. Nulla a che vedere con il modello svizzero, che - costruiti per legge rifugi antibellici a partire dal 1960 - offre oggi una protezione del 114% ai suoi abitanti con i suoi 9 milioni di posti disponibili.

 

Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 09:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA