Caldo record in Europa, in Spagna e Portogallo più di 1700 morti. Oms: «Bambini e anziani a rischio»

Gli incendi boschivi di questi giorni in Spagna e Portogallo si stanno vedendo fino alla Scandinavia

Caldo record in Europa, in Spagna e Portogallo più di 1700 morti. Oms: «Bambini e anziani a rischio»
Caldo record in Europa, in Spagna e Portogallo più di 1700 morti. Oms: «Bambini e anziani a rischio»
Venerdì 22 Luglio 2022, 11:52 - Ultimo agg. 17:48
3 Minuti di Lettura

Più di 1700 morti per il caldo in Spagna e in Portogallo quest'anno. «Il cambiamento climatico non è un fenomeno nuovo», ammonisce l'Oms di fronte ai «feroci incendi» e alle «temperature record» che continuano, in questa «torrida stagione estiva arrivata appena alla metà». E le conseguenze del climate change «stanno crescendo anno dopo anno con esiti disastrosi», afferma il direttore regionale dell'agenzia, Hans Kluge.

Spagna, caldo killer: oltre 1000 morti in una settimana. È allarme

Incendi si vedono «fino alla Scandinavia»

Gli incendi boschivi di questi giorni in Spagna e Portogallo si stanno osservando fino alla Scandinavia. A Londra, questa settimana, 41 case sono andate distrutte. Oltre ai roghi, «l'esposizione al calore estremo spesso esacerba problemi di salute preesistenti. Il colpo di calore e altre gravi forme di ipertermia causano sofferenza e morte prematura», con «bambini e anziani particolarmente a rischio». L' Oms Europa - spiega l'agenzia in una nota - è impegnata a supportare le autorità nazionali e locali nelle attività di preparazione agli eventi legati al caldo estremo. «Piani d'azione completi» che, «quando sono operativi, hanno dimostrato di salvare vite e di rafforzare la resilienza delle comunità e delle persone» nel fronteggiare le ondate di calore.

I consigli per i cittadini

Cinque consigli pratici sono rivolti dall'Oms ai cittadini. Ma anche agli operatori sanitari e a chi si prende cura di pazienti ricoverati in ospedali, case di riposo per anziani o altre strutture di assistenza.

  1. Restare il più possibile al riparo dal caldo, anche di notte, evitando attività fisiche faticose e assicurandosi che bambini e animali non vengano lasciati all'interno di veicoli parcheggiati.
  2. Mantenere il corpo fresco e idratato, usando indumenti e lenzuola larghi e leggeri, facendo docce o bagni freschi e bevendo regolarmente, evitando alcol, caffeina e bibite zuccherate; se possibile, provare a trascorrere 2-3 ore della giornata in un luogo fresco.
  3. Mantenere la casa il più fresca possibile, sfruttando l'aria della notte e utilizzando tende o persiane durante il giorno.
  4. Rivolgersi a un medico se si soffre di una malattia cronica o si stanno assumendo più farmaci. In caso di vertigini, debolezza o ansia, sete intensa e mal di testa intensi, spostarsi in un luogo più fresco.
  5. Aiutare gli altri tenendo sotto controllo la salute di familiari, amici e delle persone anziane che vivono da sole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA