Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mariupol, ucraini nei campi di filtrazione: cibo a giorni alterni, in bagno una volta ogni 24 ore

Giovedì 12 Maggio 2022
Mariupol, ucraini nei campi di filtrazione: cibo a giorni alterni, in bagno una volta ogni 24 ore

Da mangiare solo un po' di melanzane, un giorno si e un giorno no. In bagno solo ogni 24 ore e locali affollatissimi dove spesso è difficile anche sdraiarsi. È l'odissea cui sono sottoposti gli abitanti di Mariupol in fuga dalla città ma considerati 'sospettì e destinati ai cosiddetti 'campi di filtrazione'.

Azovstal, sposi nell'acciaieria sotto i bombardamenti, lui muore tre giorni dopo nell'attacco russo

Ucraina guerra diretta, Mosca: sale rischio scontro con Nato e guerra nucleare. Bombe al fosforo e a grappolo su Dnipro

La detenzione

Non una vera reclusione ma un fermo che dura almeno 36 giorni, il periodo minimo previsto dai russi per fare le loro indagini. A raccontarlo è il consigliere del sindaco di Mariupol, Petro Andryushchenko, secondo quanto riporta Unian. «Gli occupanti hanno assegnato esattamente 36 giorni per la procedura di filtrazione, quindi ufficialmente non è una reclusione. Ma le condizioni sono invivibili: i locali sono sovraffollati con migliaia di persone, spesso costrette a stare in piedi o accovacciate», racconta. «Il cibo non viene servito tutti i giorni, i servizi igienici sono accessibili una volta al giorno, non sono previste passeggiate all'aria aperta e le giornate trascorrono scandite da lunghi interrogatori, torture, minacce di morte e coercizione», aggiunge Andryushchenko.

 

Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 12:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA