Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nucleare, l'agenzia per l'energia atomica chiede ispezione a Zaporizhzhia: «Pericolo molto reale di incidente»

Allarme: «Ci può essere il potenziale per disaccordi, per situazioni poco chiare, che potrebbero portare ad incidenti»

Martedì 10 Maggio 2022
La centrale di Zaporizhzhia

C'è un rischio di incidente nucleare nella centrale di Zaporizhzhia. L'impianto atomico, il più grande d'Europa, si trova in Ucraina ma è finito sotto il controllo russo.A lanciare l'allarme è l'agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea). «Nella centrale nucleare di Zaporizhzhia, in Ucraina, ci sono oltre 30 mila chilogrammi di uranio e plutonio arricchito e la Aiea non ha accesso all'impianto per verificare lo status di questo materiale. Siamo in contatto con gli esperti russi e il governo russo, che ha il controllo della centrale, e ho detto che devono garantire l'accesso ai nostri ispettori. Ho parlato poi con il presidente Volodymyr Zelensky e ho chiesto alle parti di poter organizzare una missione per verificare che sia tutto in ordine». Lo ha detto Rafael Mariano Grossi, direttore della Aiea (agenzia atomica internazionale).

Nella centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia «c'è una situazione molto particolare, con una compresenza di operatori ucraini, che gestiscono l'impianto, che sono sotto l'autorità militare della potenza occupante», la Russia. «In più ci sono alcuni esperti russi che sono là. È quello che mi preoccupa, perché ci può essere il potenziale per disaccordi, per situazioni poco chiare, che potrebbero portare ad incidenti». Lo dice il direttore generale dell'Iaea (International Atomic Energy Agency) Rafael Mariano Grossi, in audizione stamani davanti alla sottocommissione Sicurezza e Difesa del Parlamento Europeo, a Bruxelles.

 

«Per questo diciamo che è anormale - continua Grossi - la centrale nucleare di Zaporizhzhia è il più grande impianto in Europa, con sei reattori. È una centrale molto importante, che è stata occupata fin dall'inizio delle operazioni militari in quella zona. Nella notte tra il 3 e il 4 marzo abbiamo avuto azioni militari che si sono verificate a 200 metri da un reattore nucleare. Era impensabile, ma è accaduto. E siamo fortunati che l'integrità fisica» dell'impianto, «le parti nucleari, i reattori nucleari non siano stati colpiti». «Da quel momento in poi - prosegue - siamo in una situazione molto fragile là per quanto riguarda la sicurezza. La centrale continua ad essere gestita da operatori ucraini, ma sotto il controllo delle forze di sicurezza russe e con la presenza di esperti russi, le cui funzioni non sono interamente chiare. Sono persone esperte che si occupano della conduzione dell'impianto». 

«È una cosa - aggiunge Grossi - che va contro qualsiasi possibile principio di sicurezza in termini di personale e di come un impianto dovrebbe essere gestito. C'è il potenziale di disaccordi, di frizioni, di istruzioni contraddittorie, una cosa che di certo non si vorrebbe avere in una struttura così complessa, delicata e sofisticata come una centrale nucleare. Ci sono anche un certo numero di attività che i nostri ispettori dovrebbero condurre e che non ci lasciano fare». «Ogni centrale nucleare - prosegue - ha una serie di attività operative che richiedono, di quando in quando, degli inventari fisici e altre attività di monitoraggio sul posto. Senza di esse, non possiamo assicurare alla comunità internazionale dove si trova il materiale nucleare o che cosa sta succedendo. Anche di recente, ci sono state dichiarazioni di alti ufficiali secondo le quali l'Ucraina starebbe sviluppando armi atomiche, cosa che l'Iaea ha subito negato».

«Non lo abbiamo negato sulla base di considerazioni politiche - dice ancora il direttore dell'Iaea - ma semplicemente perché siamo stati in grado di confermare che obiettivamente non c'è stata deviazione di materiale nucleare. Ma qui stiamo parlando di un luogo in cui ci sono oltre 30mila chilogrammi di uranio arricchito e un ammontare simile di plutonio, e noi non possiamo fare ispezioni. La possibilità di accuse e dubbi in futuro per quanto riguarda la situazione di questo materiale è un pericolo molto reale, che dovrebbe essere considerato seriamente. Ho parlato con le autorità russe e ho detto loro che dovrebbero consentire all'Iaea di recarsi a Zaporizhzhia», conclude Grossi.

Ultimo aggiornamento: 18:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA