Cina, nuova legge sulla privacy e approvata la pianificazione del terzo figlio

Venerdì 20 Agosto 2021
Cina, nuova legge molto dura sulla privacy e approvato il terzo figlio

Ora in Cina si può avere anche il terzo figlio. La Cina ha approvato gli emendamenti di modifica alla legge sulla Popolazione e la pianificazione familiare per consentire alle coppie di poter avere fino a tre figli, ultima mossa contro il calo delle nascite e l'invecchiamento della popolazione. Il via libera è maturato durante i lavori del Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del popolo, il ramo legislativo del parlamento cinese, cominciati martedì e conclusisi oggi. Lo Stato, secondo le nuove disposizioni rilanciate dall'agenzia Xinhua, «promuove il matrimonio e il parto all'età giusta, l'assistenza prenatale e postnatale», mentre ogni «coppia può avere tre figli».

Vendite sui titoli del lusso, effetto Cina

Il pacchetto include anche misure di sostegno per le famiglie di carattere finanziario, fiscale, assicurativo, educativo, abitativo, occupazionale e di altro tipo, che dovranno essere attuate con l'apporto del governo centrale e delle amministrazioni locali. I genitori con un terzo figlio non dovranno quindi più pagare una multa, né essere puniti dalle loro unità di lavoro. Il terzo figlio non dovrà più affrontare restrizioni per ottenere un permesso di registrazione familiare, noto come hukou, o un posto nelle scuole, oppure pesare sulla richiesta di occupazione dei genitori. Saranno migliorati i servizi pubblici relativi alla pianificazione familiare, in particolare per l'educazione dei bambini, l'assistenza agli anziani, la sorveglianza e le previsioni demografiche. Il nuovo quadro normativo era stato messo a punto il 26 giugno dal Comitato centrale del Pcc e dal governo centrale al fine di «migliorare le politiche sulle nascite per promuovere uno sviluppo demografico equilibrato a lungo termine». La politica dei tre figli, invece, era stata annunciata il 31 maggio, appena poche settimane dopo i dati del censimento decennale al 2020 che aveva mostrato una popolazione cresciuta al tasso più lento dagli anni '50, a 1,411 miliardi, facendo salire i timori su una Cina verso l'invecchiamento prima di essere diventata ricca. Nel 2016, invece, Pechino aveva ufficialmente abolito la ultradecennale politica del figlio unico a favore appunto del limite portato a quota due, insufficiente a favorire una svolta soprattutto per il costo della vita sempre più alto. La Cina a fine 2020 ha avuto un tasso di fertilità di appena 1,3 bambini per donna, attestandosi agli stessi livelli di economie sviluppate come Giappone e l'Italia, molto al di sotto dei 2,1 necessari secondo i demografi per mantenere la popolazione a livelli stabili. 

Legge sui dati personali - Oggi è stata approvata in Cina anche una nuova legge sulla privacy che mira a limitare le raccolte abusive di dati personali da parte dei giganti digitali. In base alla nuova legge, approvata dal Comitato permanente del Parlamento cinese, le aziende pubbliche e private dovranno ridurre al minimo la raccolta d'informazioni personali e ottenere il loro previo consenso. La legge prende di mira in particolare colossi come Didi (prenotazione veicoli con conducente) o Tencent (videogiochi) e si ispira alla normativa europea, tra le più severe al mondo. Il testo prevede anche che le informazioni personali dei cittadini cinesi non possono essere trasferite a paesi con standard inferiori alla Cina su questo aspetto. Un divieto che potrebbe riguardare gli Stati Uniti, che non hanno una legge nazionale sulla protezione dei dati. In caso di mancato rispetto delle regole, le aziende rischiano sanzioni fino a 50 milioni di yuan (6,6 milioni di euro) o addirittura il 5% del loro fatturato annuo; per le infrazioni più gravi le autorità potranno privare le aziende della licenza commerciale o addirittura costringerle a chiudere definitivamente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA