CORONAVIRUS

Coronavirus, diretta: oltre 13 milioni di casi nel mondo, in Catalogna quasi mille in 24 ore

Mercoledì 15 Luglio 2020
Coronavirus, diretta: oltre 13 milioni di casi nel mondo, in Florida record di morti e a Caracas torna il lockdown

I casi di coronavirus nel mondo sono oltre 13,3 milioni, con oltre 578mila decessi attribuiti globalmente alla malattia. Questo l'ultimo bilancio fornito questa mattina dalla John Hopkins University. Gli Stati Uniti, primi per numero di infezioni - 59mila in più rispetto al precedente bilancio - sono anche il paese con più decessi, 136.466. Il Brasile, con 1,92 milioni di positivi e 74.133 morti, risulta anche il paese con il più alto numero di guariti, 1,32 milioni. L'India risulta al terzo posto tra i paesi con il maggior numero di infezioni, con 936.181 contagi e 24.309 morti (28.500 i positivi nelle ultime 24 ore). Seguono la Russia, con 738.787 casi e 11.597 morti e il Perù, con 333.867 positivi e 12.229 decessi.

Coronavirus, ecco il test coreano che ti dice se sei positivo in 7 minuti: come funziona e quanto costa
Coronavirus Napoli, 17enne incinta positiva nel campo rom di Scampia: tamponi a tappeto 

Catalogna, quasi mille casi in 24 ore. La Catalogna ha registrato 938 casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, secondo quanto reso noto dal Dipartimento della Salute, citato dall'agenzia Efe. Il maggior numero di casi, pari a 250, si registra nella regione sanitaria di Barcellona. Secondo le autorità sanitarie i contagi accertati sono in aumento a causa di un incremento del numero dei test, specie sugli asintomatici.

Bolivia, oltre 50mila casi. Il ministero della Sanità boliviano ha annunciato che con i 1.617 contagi registrati nelle ultime 24 ore su tutto il territorio nazionale, i casi di coronavirus hanno raggiunto quota 50.867. Il dipartimento largamente al primo posto per numero di casi, segnala da parte sua il portale di notizie Erbol, è quello di Santa Cruz (26.124), seguito da La Paz (7.402), Beni (4.904) Cochabamba (5.468) ed Oruro (1.921). Per quanto riguarda i morti, nell'ultima giornata sono stati 32, facendo salire a 1.989 il loro totale dall'inizio della pandemia da Covid-19. Questa è da settimane al centro di vivaci polemiche fra gli esponenti del governo ad interim, guidato dalla presidente Jeanine Anez, che avrebbero voluto un nuovo rinvio delle elezioni generali fissate per il 6 settembre, e l'opposizione di sinistra del Movimento al socialismo (Mas) di Evo Morale, che invece ha insistito per votare nella data fissata dal Tribunale supremo elettorale (Tse).

Florida, 132 morti in 24 ore. Nuovo record di decessi attribuiti al Covid-19 in Florida, dove il Dipartimento alla Sanità ha annunciato di aver registrato 132 morti in 24 ore, contro un massimo di 120 avvenuti la scorsa settimana. In totale i decessi registrati nello stato americano dono 4.409, mentre i contagi, con i nuovi 9.194, salgono a 291.629.

Venezuela, si torna al lockdown. La vicepresidente venezuelana Delcy Rodrguez ha reso noto che a partire da oggi Caracas e lo Stato di Miranda torneranno al lockdown rigido della 'fase 1' delle misure adottate per il contrasto della pandemia da coronavirus. Rodrguez ha indicato che il presidente Nicolas Maduro ha ordinato questo inasprimento visto l'aumento dei casi di contagio nelle due zone, con il proposito di tutelare la salute della popolazione. In Venezuela questa settimana è stato introdotto uno schema definito '7x7', che consiste in una flessibilizzazione della quarantena a tre livelli. Il primo è quello del lockdown più radicale che riguarda un focolaio nello Stato di Zulia ed in specifici municipi (Viga in Mérida e Cumaná in Sucre). Il secondo livello implica misure parziali di apertura per la cittadinanza in 13 Stati venezuelani con l'avvio di attività economiche in dieci settori. Infine il terzo livello è riservato a dieci Stati, in cui le attività economiche autorizzate salgono a 24. In tutto il territorio nazionale si mantiene la quarantena per la pubblica amministrazione, il settore educativo a tutti i livelli, le rivendite di bevande alcoliche, i caffé, i locali notturni ed i ristoranti, che potranno operare attraverso il delivery, mentre restano infine fortemente limitati gli eventi pubblici. Ieri sera Maduro ha annunciato che nelle 24 ore precedenti il bilancio delle vittime della pandemia ha raggiunto i 10.010 casi ed i 96 morti.

Messico prolunga blocco al confine con gli Usa. Il Messico ha deciso di prorogare per altri 30 giorni, per la terza volta, le restrizioni al confine con gli Stati Uniti: lo ha reso noto il ministero degli Esteri, secondo quanto riporta la Cnn. «Dopo avere verificato l'aumento della diffusione di Covid-19, il Messico ha proposto agli Stati Uniti l'estensione delle restrizioni a tutto il traffico non essenziale al confine comune per altri 30 giorni», ha annunciato il ministero sul suo account Twitter. «Le misure saranno valide fino al 21 agosto 2020», ha aggiunto.

Vaccino americano ai test finali. L'azienda biotech americana Moderna ha annunciato che il 27 luglio entrerà nella fase finale dei test clinici per il suo vaccino anti covid-19, diventando la prima società al mondo a raggiungere questa tappa. A questa fase parteciperanno 30 mila persone, metà delle quali riceverà una dose di 100 microgrammi mentre l'altra assumerà una sostanza placebo. Lo studio dovrebbe durare sino al 27 ottobre.

Barbra Streisand attacca Trump. L'Unione Europea, il Giappone, la Corea del Sud, il Vietnam e l'Estonia tra le altre nazioni hanno appiattito la curva del Covid. Negli Stati Uniti sta sfuggendo al controllo in molti stati a causa della negligenza e dell'inettitudine di Trump». Lo afferma su Twitter l'attrice Barbra Streisand, critiando duramente l'amministrazione Trump per la gestione della pandemia di Coronavirus in America. «Non è mai stato uno 'scherzò -aggiunge la Streisand- o una cosa che 'scompare magicamentè, come Trump ha affermato».

Brasile verso i 2 milioni di casi. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati oltre 40.000 casi di Coronavirus in Brasile, dove il totale dei contagiati si avvicina ormai ai due milioni. Ad annunciarlo è stato il ministero della Salute del paese, precisando che i casi confermati sono 1.926.824 , con i 41.857 nuovi positivi. I nuovi decessi delle ultime 24 ore sono stati 1.300, per un totale di 74.133.

Catalogna, 8 città in lockdown. La città di Lleida e altri sette comuni della zona di Segrià, in Catalogna, sono da oggi in lockdown dopo che ieri il governo della Generalitat ha approvato una nuova risoluzione - tutelata da una modifica della legge catalana sulla sanità pubblica - alla luce del veto che era stato imposto lunedì da un tribunale della regione. Il tribunale di Lleida, infatti, aveva deciso di non ratificare la decisione presa domenica scorsa dal governo catalano di imporre il lockdown negli otto comuni definendola «sproporzionata». Tuttavia, riporta la Vanguardia, di fronte a un focolaio incontrollato di coronavirus, il governo ha approvato la nuova risoluzione in tempo record e l'ha già presentata al tribunale per i contenziosi amministrativi. Meritxell Bud, consigliera della presidenza, ha spiegato che non si tratta di un «confinamento rigorosamente domiciliare, ma chiediamo ai cittadini che siano corresponsabili della decisione e che non escano di casa se non necessario». Il lockdown, di 15 giorni, è scattato a Lleida, Alcarràs, Soses, Seròs, Aitona, La Granja d'Escarp, Massalcoreig e Torres de Segre.

Ultimo aggiornamento: 14:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA