Covid, giornata senza precedenti negli Usa: oltre 3.000 morti. E il Giappone registra record di infezioni

Giovedì 10 Dicembre 2020
Covid, giornata senza precedenti negli Usa: oltre 3.000 morti. E il Giappone registra record di infezioni

Un triste primato: gli Stati Uniti hanno registrato numeri senza precedenti per quanto riguarda i morti e i ricoverati per Covid-19. I deceduti sono stati più di 3.100, a 6 giorni dal precedente primato di poco più di 2.800, per un totale ormai di quasi 290.000, secondo i dati della Johns Hopkins University. I nuovi casi sono stati più di 221.000, un numero superato solo in un'altra giornata, per un totale vicino ai 15,4 milioni. Il numero di ricoverati sale quotidianamente e ieri ha raggiunto le 106.688 unità; numero senza precedenti anche di ricoverati in terapia intensiva, che ieri erano 20.922 in tutto il Paese, secondo il Covid Tracking Project. In California, lo Stato più colpito dalla pandemia, il numero di nuovi casi quotidiani ha superato le 30.000 unità per la prima volta, registrandone oltre 33.000. Numeri senza precedenti anche in altri Stati, come Tennessee, Virginia, Mississippi e Idaho.

Giappone

Aggiornati ancora una volta, nella giornata di giovedì, i record di contagi a livello nazionale del Giappone e nella capitale Tokyo; il governo giapponese, tuttavia, per il momento esclude il ritorno allo stato di emergenza già sperimentato tra aprile e maggio. Nell'intero arcipelago sono state registrate 2.820 infezioni, mentre a Tokyo le positività si assestano a 602, superando il livello massimo di sabato a quota 584, portando il totale a 45.529 dall'inizio della pandemia. Una commissione medica incaricata dal governo metropolitano giudica «preoccupante» la situazione negli ospedali cittadini, dove è diventato difficile fornire adeguata assistenza sanitaria nei reparti di medicina generale, e la priorità è quella di contenere una crescita dei pazienti che presentano sintomi gravi del Covid. Lo scorso mese le autorità cittadine avevano alzato il livello di allerta al massimo su una scala di 4, esortando le attività commerciali ad anticipare la chiusure dei negozi e dei locali attivi nella ristorazione, ma il vice capo della Associazione medica di Tokyo, Masataka Inokuchi, ha ammesso di non essere in grado di giudicare se le misure siano state capaci o meno di attenuare la virulenza della malattia.

Bruxelles dà via libera a contratto Pfizer-Biontech

Grandi centri metropolitani come Osaka e Sapporo hanno visto un'impennata dei contagi di Covid nelle ultime settimane, in quella che è stata descritta dagli epidemiologi la terza ondata del virus, costringendo l'esecutivo a coordinare gli aiuti del personale medico delle forze di Autodifesa con i governatori delle prefetture locali. Lo scorso 25 novembre il ministro in carica per la gestione dell'emergenza sanitaria, Yasutoshi Nishimura, aveva anticipato che le prossime tre settimane sarebbero state cruciali per prevenire l'espansione delle infezioni e tutelare il sistema sanitario. A livello nazionale, ad oggi in Giappone sono stati segnalati 172.404 casi di coronavirus, e 2.503 morti accertati.

Covid, diretta mondo: in Cina un milione di persone trattate con vaccini sperimentali, Francia vede l'uscita dal tunnel, in Usa morti oltre quota 250mila

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA