Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vade retro Satana: gli abitanti di Segovia bocciano la statua del diavolo allegro che si fa un selfie

Mercoledì 16 Gennaio 2019 di Alix Amer
Vade retro Satana: gli abitanti di Segovia bocciano la statua del diavolo allegro che si fa un selfie
Il tentativo del “diavolo” di prendere la residenza nell’antica città spagnola di Segovia è stata temporaneamente rimandata per protesta degli abitanti. La statua di Satana che ride e si fa un selfie, non gli è andata proprio giù. In realtà la scultura è ispirata alla leggenda del famoso acquedotto romano di Segovia che - secondo i racconti degli anziani - fu costruito dal diavolo in una sola notte.

Il consiglio comunale aveva deciso di commissionare l’opera nella speranza di attirare turisti in uno dei suoi quartieri meno visitati. Ma i residenti non ci stanno e dicono che il diavolo - che sorride e si fa un selfie con lo smartphone - sembra troppo amichevole. L’artista José Antonio Abella, ha raccontato alla Bbc News di essere rimasto sorpreso dalle critiche rivolte alla sua opera. Più di 5.400 persone - poco più del 10% della popolazione della città - hanno firmato una petizione per chiedere la rimozione della scultura.

«Satana dovrebbe essere ripugnante e spregevole - sottolineano gli abitanti - non gentile e seducente come questo diavolo rappresentato anche con un volto buono e senza malizia». Le proteste hanno davvero sorpreso lo scultore, scrittore e medico Abella. «Mi sembra incredibile che le persone siano infuriate per una scultura creata per commemorare una leggenda popolare, insegnata ai bambini Segoviani a scuola». E ha poi aggiunto: «Adoro Segovia, ho vissuto qui per tre decenni, e questa opera era un grazie alla città che mi ha adottato». «Non ho ricevuto alcun tipo di denaro per questa scultura - prosegue l’artista - Non l’ho fatto per i soldi ma come tributo personale a questo luogo. Mi diaspiace davvero tanto per tutto questo». La consigliera comunale Claudia de Santos ha anche definito la campagna “ingiusta e scoraggiante”. Ha anche detto al giornale El Pais che avrebbe cercato di assicurarsi che la scultura resti al suo posto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA