Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elezioni Francia, Mélenchon cresce: per Macron maggioranza assoluta a rischio. Zemmour eliminato al primo turno

Diventerebbe così più difficile per il presidente Macron conquistare la maggioranza assoluta di 289 seggi all'Assemblée Nationale

Domenica 12 Giugno 2022
Elezioni Francia, Mélenchon cresce: per Macron maggioranza assoluta a rischio. Astensione record al 52%

Trema la maggioranza di Emmanuel Macron: il «tribuno» della gauche radicale, Jean-Luc Mélenchon, ha raccolto - al primo turno delle legislative - più voti con la sua coalizione Nupes (fra il 25 e il 26,2% secondo gli istituti di sondaggi) rispetto ai partiti di governo riuniti sotto l'etichetta Ensemble! (25-25,8%). Quota 341 - come nel primo mandato di Macron - sembra oggi lontanissima: la forbice per il governo è fra i 275 e i 310 seggi secondo le proiezioni, con la maggioranza assoluta a 289. Nupes, la gauche riunita, a 190-210 seggi. 

Francia, l'impresa di Macron

Emozionato, voce per una volta bassa, il settantenne Mélenchon, che è riuscito a riunire sotto la bandiera de La France Insoumise dai socialisti ai Verdi, ai comunisti, ha lanciato «un appello al popolo»: «Per la prima volta - ha detto - un presidente che vince le elezioni, non riesce a vincere le legislative. Il presidente è battuto, disfatto. Adesso lancio un appello al popolo, riversatevi sulle urne domenica prossima». Con un'affluenza mai così bassa nella storia, fra il 47 e il 47,5%, nuovo record negativo, la chiave della vittoria è infatti nelle «riserve di voti» sui quali può contare ognuno dei partiti. Tradizionalmente, le riserve di voti nel sistema delle legislative francesi sono più dalla parte dei partiti di centro quando, come nel caso attuale, hanno a che fare con due partiti piuttosto «estremi» a destra e a sinistra. I candidati del Rassemblement National hanno ottenuto fra il 18,5 e il 19,8%, senza riuscire ad approfittare del risultato di Marine Le Pen alle presidenziali, che da sola aveva ottenuto oltre il 40% dei voti al ballottaggio contro Macron. Ridotto dal meccanismo in vigore ad appena 8 deputati nel 2017, il partito di estrema destra potrà contare fra 15 e 30 deputati.

Referendum a rischio quorum, flop affluenza: mai così bassa, alle 12 ha votato solo il 6,63%

Marine Le Pen eletta

Le Pen è stata eletta al primo turno nella sua circoscrizione del Nord, il Pas-de-Calais, con il 55% dei voti. Perde il ruolo di primo gruppo di opposizione all'Assemblée Nationale il partito della destra erede del neogollismo, i Républicains, che con uno score fra l'11,6% e il 14% sembra confermare la pesante disfatta della sua candidata alle presidenziali, Valérie Pécresse. «Abbiamo bisogno di una maggioranza forte e chiara», ha detto sobriamente Elisabeth Borne, la premier, incaricata dalla coalizione Ensemble! di prendere la parola a nome dell'alleanza governativa dopo le elezioni. L'obiettivo della compagine macronista è quella di avere una maggioranza assoluta che consenta di portare avanti le ambiziose riforme illustrate in campagna elettorale. In particolare quella mai riuscita finora in Francia, per aumentare a 65 anni l'età necessaria per andare in pensione. Il governo di Macron sarebbe «azzoppato» secondo gli analisti, se dovesse contrattare con le altre forze in parlamento ogni proposta di legge. Considerando che il primo gruppo all'opposizione sarebbe la coalizione di gauche che ha un'ambizione esattamente opposta sulle pensioni: abbassare l'età pensionabile dagli attuali 62 anni a 60. Ma l'ultima parola arriverà domenica prossima con il secondo turno.

Ultimo aggiornamento: 13 Giugno, 07:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA