Venti di guerra a Gaza tra lanci di missili e raid, F16 israeliano distrugge la tv di Hamas

Gaza, ancora morti sul confine: missili su un bus israeliano, tre vittime in Palestina
ARTICOLI CORRELATI
0
  • 88
Un pomeriggio da guerra tra Gaza e Israele. In poco più di tre ore 200, tra razzi e colpi di mortaio, sono stati sparati nel sud dello Stato ebraico la cui aviazione militare, in risposta, ha colpito oltre 20 obiettivi di Hamas nella Striscia. Tre i palestinesi uccisi a Gaza e sette i feriti sul versante israeliano, con un soldato di 19 anni in gravi condizioni dopo che l'autobus (civile secondo l'esercito) sul quale viaggiava in una zona a ridosso della Striscia è stato centrato da un missile antitank. 
 
 

Hamas, che ha rivendicato i lanci a nome del comando unificato delle fazioni palestinesi, ha definito l'azione «una risposta al crimine di ieri». I primi lanci da Gaza - oltre quelli della notte scorsa - sono cominciati infatti nel pomeriggio di oggi dopo i funerali, seguiti da migliaia di persone, dei sette palestinesi uccisi ieri a seguito di un'incursione di un'unità d'elite israeliana entrata - secondo Hamas - a bordo di un'auto per tre chilometri all'interno del territorio della Striscia per «un'azione mirata». Nel blitz si è verificato un aspro scontro a fuoco in cui è rimasto ucciso un comandante locale dell'ala militare di Hamas, Nur Barake, e con lui altri sei. Grazie alla copertura di aerei da combattimento, che hanno bombardato la zona dello scontro a fuoco, l'unità israeliana è riuscita ad uscire dalla Striscia ma un suo colonnello - di cui non è stata ancora diffusa l'identità e i cui funerali si sono svolti oggi - è rimasto ucciso ed un capitano ferito in modo grave. 


L'esercito ha escluso che l'unità israeliana avesse come obiettivo un tentativo di rapimento o un'esecuzione mirata ma solo attività di intelligence. Della pioggia di razzi arrivata oggi dall'enclave palestinese, 60 sono stati intercettati dal sistema di difesa antimissili Iron Dome mentre la maggior parte sono caduti in aeree aperte, ma altri hanno colpito edifici di Sderot, Ashkelon e Netivot. Alcuni lanci sono stati indirizzati anche verso Beer Sheba e le sirene di allarme sono risuonate pure in prossimità del Mar Morto, ben lontano dalla Striscia. Il portavoce militare israeliano Ronen Manelis - mentre il premier Benyamin Netanyahu ha presieduto una riunione di emergenza al ministero della Difesa a Tel Aviv - ha denunciato che «Hamas sta portando Gaza alla distruzione» e che «sentirà nelle prossime ora la potenza della risposta di Israele». 
 


Secondo l'esercito, tra le strutture di Hamas e Jihad islamica colpite nel nord e nel sud di Gaza ci sono postazioni militari, posti di osservazione e anche lanciatori di razzi. In serata Israele ha colpito la tv di Hamas a Gaza, al Aqsa, distruggendo l'edificio ma senza causare vittime. Poco prima la stessa Hamas aveva dato ordine di sgomberare l'edificio. Preoccupazione per una crisi che oramai è sull'orlo del precipizio è stata espressa dal ministero degli Affari esteri a Mosca, mentre l'ambasciatore Ue in Israele Emanuele Giaufret ha detto di seguire «con grande ansia la situazione e il lancio di razzi. Attacchi contro i civili sono inaccettabili e devono cessare». Nel frattempo, mentre i lanci da Gaza verso Israele continuano, Egitto e Onu - secondo alcuni report - stanno tentando di mediare per riportare la calma. 
Lunedì 12 Novembre 2018, 18:04 - Ultimo aggiornamento: 12-11-2018 20:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP