George Floyd, il fratello Philonise: «Ho cercato di parlare a Trump, non mi ha ascoltato»

Domenica 31 Maggio 2020
George Floyd, il fratello Philonise: «Ho cercato di parlare a Trump, non mi ha ascoltato»

George Floyd, un'accusa durissima al presidente degli Stati Uniti Donald Trump giunge dal fratello dell'afroamericano morto a Minneapolis. Philonise Floyd ha ha parlato con Msnbc della sua conversazione con Trump. «È stata roppo veloce, non mi ha dato l'opportunità neppure di parlare. È stato difficile. Tentavo di parlargli ma lui continuava a respingermi come se dicesse "non voglio sentire di cosa stai parlando", ha raccontato.

Minneapolis, spari sui cittadini nelle case: esercito costretto alle ronde in strada
 

 

Philonise Floyd: voglio giustizia. «Ho detto al presidente che voglio giustizia e che non potevo credere che avessero commesso un moderno linciaggio in pieno giorno». Philonise Floyd ha parlato nei giorni scorsi anche con Joe Biden, il rivale di Trump nella corsa alla Casa Bianca. «Gli ho chiesto di ottenere giustizia per mio fratello. Ne ho bisogno. Non voglio vedere la sua faccia su una maglietta come gli altri (afroamericani morti per mano della polizia, ndr). Nessuno merita quel trattamento, le vite degli afroamericani contano», ha aggiunto.
 
George Floyd, l'agente violento lasciato dalla moglie: lei è un ex reginetta di bellezza

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA