Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coppia di lesbiche perseguitata dal vicino omofobo e costretta a traslocare: «Ci ha reso la vita impossibile»

L'uomo le aveva viste baciarsi attraverso la finestra e aveva deciso di perseguitarle

Martedì 22 Febbraio 2022
Coppia di lesbiche perseguitate dal vicino omofobo e costrette a traslocare: «Ci ha tamponato con l'auto e terrorizzate»

Era bastato un bacio visto per sbaglio attraverso la finestra di casa per farlo andare fuori di testa. Così un uomo di 63 anni, ha deciso che avrebbe perseguitato le due vicine di casa (una coppia lesbica), fino a costringerle a traslocare. È successo in Gran Bretagna, più precisamente a Manchester. Le vittime, Faye Mallon e Lydia Henshall, sono state definite «irrispettose» dall'omofobo, che le ha insultate con frasi come «grassa lesbica» o «maledette strambe».

Coppia di lesbiche perseguitate dal vicino omofobo

L'uomo si chiama Kim Armstrong ed è l'ex proprietario di una palestra. Dopo una serie di violenze verbali e non (avrebbe riempito la loro spazzatura con rifiuti sanitari), hanno venduto casa e si sono trasferite, racconta il "Mirror". Poi la denuncia alla polizia: «Si comporta così perché abbiamo una relazione», hanno raccontato.

Sam Brinton, una drag queen alla Casa Bianca. Critiche a Biden dai conservatori per la nomina ai vertici dell'Energia nucleare

«Ha minato la mia salute mentale»

«Ricordo che guardava attraverso la finestra del nostro salotto e ci vedeva scambiarci baci e carezze. Credo che sia stato allora che ha iniziato a comportarsi in questo modo», racconta Lydia. «La situazione in corso ha avuto un impatto sulla mia salute mentale. Mi ha causato ansia e più recentemente ho dovuto prendermi tre giorni di assenza dal lavoro per malattia. Il suo comportamento ci causava stress a entrambi e mi preoccupavo costantemente di cosa sarebbe potuto succedere dopo».

«Mi sentivo come se non potessi mai rilassarmi completamente quando ero a casa e come se Kim (l'uomo che le perseguitava, ndr) stesse cercando di complicare le nostre vite il più possibile nel tentativo di farci andare via - racconta ancora una delle due vittime -. Amavamo la nostra casa e abbiamo speso molti soldi per acquistarla, non avremmo dovuto sentirci costrette a venderla».

Secondo il rapporto del procuratore «il signor Armstrong sarebbe stato visto guidare il suo veicolo contro un'auto di una delle vittime, creando dei danni al paraurti. Una delle vittime stava mettendo i rifiuti nel cestino e l'ha trovato pieno di rifiuti sanitari con uno dei loro nomi sopra».

Come si è difeso l'uomo

L'uomo si è difeso definendosi «vittima» a sua volta. «Ha descritto le due donne come "ragazze irrispettose" e secondo lui non ha fatto nulla di male - le parole del procuratore. È molto rigido nel suo modo di pensare e nel suo modo di vedere». L'avvocato di Armstrong Steven McHugh ha aggiunto: «Questa è una disputa diretta tra vicini. Il mio cliente tratta le donne con dignità, ma quando nella sua mente superano il limite, le tratta di conseguenza, anche se deve essere spinto a farlo. Le vittime sono andate via ma lui dice di non aver obbligato nessuno a traslocare».

Star di TikTok e sua madre arrestate con l'accusa di omicidio: «Hanno spinto un'auto fuori strada causando la morte di due ragazzi»

Ultimo aggiornamento: 14:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA