Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Macron chiude la campagna elettorale a Nanterre: «Ce l'abbiamo fatta»

Sabato 2 Aprile 2022
Macron chiude la campagna elettorale a Nanterre: «Ce l'abbiamo fatta»

La sfida è lanciata. Nonostante la guerra in Ucraina e due anni di Covid che hanno soffocato la campagna presidenziale, a una settimana dal voto Emmanuel Macron è al suo posto di combattimento e chiama oggi i suoi alla «mobilitazione generale». Ha aperto e concluso la campagna elettorale in un solo grande comizio, 35.000 persone, governo e première dame Brigitte in prima fila, rivendicando quanto realizzato in questi cinque anni di mandato e rilanciando nuove ambizioni fino al 2027. Più Europa, più lavoro, più prosperità per tutti: Macron ha pronunciato un discorso orgoglioso e vibrante smentendo chi lo voleva stanco e impaurito dalla rimonta di Marine Le Pen, ormai a soli 5 punti di distacco da lui nei sondaggi sul sempre più probabile ballottaggio. Gli spalti del Défense Arena di Nanterre, grande palazzetto dello sport e sala da concerti alle porte di Parigi, sono affollati di sostenitori non soltanto con bandiere francesi ma con tante bandiere blu dell'Europa. Uno striscione proclama «In 27 è meglio».

 

Macron, il maxi comizio a Nanterre

Al centro della sala il palco, di fronte le due grandi bandiere, francese ed europea, il cui accostamento sotto l'Arco di Trionfo aveva provocato l'ira dell'estrema destra. «Uno, due, ancora 5 anni» gridava la folla interrompendo spesso Macron, entrato lentamente in sala nel buio, seguito dai riflettori, sulle note celebrative di «Crossing the Horizon». Si parte per 2 ore e mezzo di comizio senza respiro e si comincia con la guerra e chi «bombarda la democrazia a poche ore da Parigi». Fischi, ma il presidente li zittisce: «lottiamo ogni giorno per la pace, ma qui non si fischia nessuno». Un'esortazione che torna a più riprese: «non li fischiate, convinceteli» è il refrain di Macron, che parte rivendicando orgogliosamente le promesse mantenute: «la disoccupazione è ai suoi minimi, abbiamo fatto la riforma della scuola, investimenti per tutte le categorie, abbiamo lasciato aperte le nostre scuole durante la pandemia, con i pasti a un euro per gli studenti. Non abbiamo lasciato indietro nessuno - ha continuato - Un milione di studenti hanno avuto il pass culture, abbiamo una legge sulla procreazione assistita».

E poi chiama l'applauso della folla per medici e infermieri eroi del Covid e per gli insegnanti. Con un angolo commosso ed emozionante alla memoria di Samuel Paty, il professore decapitato da un fanatico jihadista all'uscita dalla scuola. E ora? Si parte con «6.000 euro netti di bonus ai lavoratori da quest'estate», poi aiuti alle «madri sole», nuove «soluzioni per gli anziani»: «io sono lucido, tanti studenti sono ancora scontenti - ammette Macron - il nostro ascensore sociale è spesso guasto, bisogna remunerare di più medici e insegnanti». Più tasse? Più debito? No, «si lavorerà di più - è la ricetta di Macron - lo stato-provvidenza non esiste, lo stato sociale non c'è senza un apparato produttivo forte, una Francia che cresce e va avanti». Quindi, più lavoro e pensione a 65 anni: «non credete a quelli che dicono che con la pensione a 60 anni andrà tutto bene, non è vero. Il nostro impegno è la piena occupazione nei prossimi 5 anni, è possibile». Si passa ai ringraziamenti, il primo spetta di diritto a «colei che mi dà più di tutti», Brigitte, la première dame alla quale i sostenitori dedicano una lunga standing ovation, poi i due premier, Edouard Philippe e Jean Castex. E l'appello a tutti quelli che vogliono unirsi ora, «dai gollisti ai socialdemocratici, fino agli ecologisti che ancora non l'hanno fatto». Il finale è tutto per le estreme: quelli che predicano il «grande nanismo» della Francia (riferimento al polemista di estrema destra Eric Zemmour e alla sua teoria della «grande sostituzione»), a chi predica odio e «comunitarismo», contro «la forza tranquilla della fratellanza». «Buona fortuna a quelli che, di fronte alla Russia - ha gridato - predica la grande ritirata». Ad occhi chiusi, con i fan sul palco, Macron canta la Marsigliese e chiude il suo unico comizio elettorale di questa campagna. Mentre l'ombra di Marine Le Pen, seconda nelle intenzioni di voto a 7-8 punti di distanza nel 1/o turno e a soli 5 punti nel ballottaggio, si allunga come quella dei grattacieli del quartiere finanziario della Défense.

Ultimo aggiornamento: 9 Aprile, 19:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA