Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maddie, pubblicità choc con le sue foto: «Se mangi a casa non ti succede niente». Azienda di hamburger denunciata

Mercoledì 20 Aprile 2022
Maddie, pubblicità choc con le sue foto: «Se mangi a casa non ti succede niente». Azienda di hamburger denunciata

Le foto di Madeleine Mccann, la bimba scomparsa in Portogallo nel 2007, usate per la pubblicità degli hamburger. La trovata choc è partita da un'azienda da asporto, la Otley Burger Company con sede a Leeds,  nell'Inghilterra settentrionale che ha pubblicato una serie di annunci sui social media che ritraggono la piccola  Maddie in occasione della festa della mamma. L'Asa (l'Advertising Standards Authority) ha affermato di aver ricevuto tre denunce e migliaia di reclami a seguito della pubblicazione degli annunci pubblicitari messi su diverse piattaforme tra cui Twitter, Instagram e Facebook, e ha intimato alle piattaforme coinvolte di rimuovere tutti i contenuti in attesa di una indagine.

TikTok, ragazzina rapita salvata grazie a un gesto imparato sul social network

La Otley Burger Company ha tolto gli annunci e ha detto che i post non sarebbero più apparsi. Le inserzioni pubblicitarie presentavano immagini di Madeleine, scomparsa mentre in vacanza con la famiglia in Portogallo, e di sua madre Kate McCann. Uno mostrava anche un uomo che correva con un'immagine più piccola di Madeleine tra le mani e le battute "Hamburger for dinner?" e "Buona festa della mamma a tutte le mamme là fuori". In un altro post si legge: Con gli hamburger così buoni, lascerai i tuoi bambini a casa. Qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere. Buona festa della mamma a tutte le mamme là fuori”.

 

Il proprietario della ditta, Joe Scholey di 29 anni, non è nuovo a trovate del genere. L'anno scorso ha pubblicato un'immagine di una mamma caduta in disgrazia Karen Matthews, che fingeva che sua figlia Shannon fosse stata rapita. Ha anche condiviso un post con le immagini degli assassini The Yorkshire Ripper Peter Sutcliffe e Fred West e del necrofilo Jimmy Saville, tra le altre figure controverse, nel giorno della festa del papà dell'anno scorso .

Parlando al Leeds Live, il proprietario Joe, 29 anni, che non ha figli, ha detto di farlo esclusivamente per i soldi. «Non mi importa se le persone si sentono offese da queste campagne pubblicitarie. Qualche tempo fa ne pubblicai una che portò molti soldi. E ho pensato, perchè non farlo di nuovo?». Stavolta però non gli è andata così bene. In tanti hanno protestato per una trovata di pessimo gusto. E sono partite le denunce

Ultimo aggiornamento: 12:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA