Spagna, Mario Decandia (35 anni) morto investito dalla polizia. Testimoni: «La volante correva a tutta velocità»

Da anni era impiegato nel settore alberghiero e della ristorazione nelle Baleari.

Investito dalla polizia, muore a 35 anni. I testimoni «La volante correva a tutta velocità e non aveva le luci blu accese»
Investito dalla polizia, muore a 35 anni. I testimoni «La volante correva a tutta velocità e non aveva le luci blu accese»
Venerdì 3 Giugno 2022, 07:36 - Ultimo agg. 17:01
3 Minuti di Lettura

Mario Decandiacittadino italiano di 35 anni, è morto a Palma de Mallorca investito da un'auto della polizia locale, che era impegnata in un servizio di emergenza. Il giovane era nato a Tempio Pausania, in Sardegna, ed era da anni impiegato nel settore alberghiero e della ristorazione nelle Baleari.

Marina di Massa, caccia al pirata che ha investito e ucciso un giovane in bicicletta in zona mare

Mario Decandia morto, l'incidente

Per i testimoni gli agenti della polizia correva ad alta velocità e senza luci blu accese. Nell'incidente sono rimaste gravemente ferite altre due persone. Come spiega ad Adnkronos l'amico della vittima Stefano Munari, che a Palma de Mallorca ha fondato la radio Italiana, alcuni testimoni riferiscono che «la pattuglia stesse correndo a tutta velocità perché stava intervenendo per un'emergenza, ma sembra che non avesse le luci blu accese». Invitando a vedere «le registrazioni delle telecamere pubbliche» per fugare i dubbi sulla dinamica dell'incidente, Munari riferisce che la polizia ha perso il controllo del mezzo e invaso il marciapiede, investito i tre giovani che avevano finito il turno al ristorante oltre a panchine e lampioni.

Morì precipitando dal cavalcavia sbullonato, ma non è colpa di nessuno: assolto il direttore del Consorzio industriale di Frosinone

 

Il cordoglio degli amici

Il primo a scrivere un messaggio per il lutto di Mario è l'amico Francesco Murrighile: «Non ci sono parole per descrivere tutto ciò...🙏😔😔❤Ciao mariè 🙏», si legge sulla sua bacheca Facebook. Mario, come si può vedere la suo profilo social, aveva girato il mondo ed era appassionato non solo della ristorazione ma anche di surf. Tra le immagini che lo ritraggono, anche una sotto la Statua della Libertà a New York e un'altra in Perù.

© RIPRODUZIONE RISERVATA