Mascherina nella crocchetta di pollo del McDonald's in Inghilterra, bimba di 6 anni rischia di soffocare

Mercoledì 5 Agosto 2020
Mascherina nella crocchetta di pollo del McDonald's, bimba di 6 anni rischia di soffocare

Non è un "Happy Meal", ma di sicuro la sorpresa è stata grande per Laura Arber, mamma di una bambina di sei anni che ha rischiato di soffocare a causa di una mascherina trovata dentro una crocchetta di pollo al McDonald's. La donna ha notato che qualcosa non andava, quando ha visto sua figlia Maddie avere difficoltà a mangiare i suoi Chicken Nuggets, poi ha iniziato a soffocare. Immediatamente la madre le ha messo le dita in gola per tirare fuori ciò che le stava ostruendo le vie respiratorie e ha trovato quello che era chiaramente un pezzo di mascherina chirurgica blu. Laura Arber ha poi dichiarato di averne scoperto altri pezzi in almeno due delle 20 pepite che aveva comprato per i suoi figli dalla filiale di fast food di Aldershot, Hampshire, a circa 70km a ovest di Londra ieri. La 32enne aveva portato tre dei suoi quattro figli al ristorante per ritirare l'ordine prima di tornare a casa per godersi il pasto. Mentre sedevano sul divano a mangiare l'amara scoperta. 

 


LEGGI ANCHE Famiglia cena al Mc Donald's, mamma vede la figlia di 2 anni con un preservativo in bocca

Dopo aver parlato con la filiale al telefono, Laura si è recata al negozio per parlare con il direttore, ma non ha ricevuto le sue scuse. Il direttore si è giustificato dicendo che le pepite di pollo non vengono cucinate sul posto. «La cosa peggiore è che hanno continuato a servirli - ha dichiarato scioccata la donna. E se fossi uscito dalla stanza e mia figlia fosse soffocata? Potrebbe essere morta. È salva per una frazione di secondo».  Un portavoce di un McDonald ha dichiarato: «Siamo spiacenti per la brutta esperienza della nostra cliente. La sicurezza alimentare è della massima importanza per noi e poniamo grande enfasi sul controllo di qualità, seguendo rigorosi standard per evitare eventuali imperfezioni. Quando la questione è stata portata all'attenzione del nostro personale, ci siamo scusati, abbiamo offerto un rimborso completo e abbiamo chiesto al cliente di restituire l'articolo in modo da poter indagare ulteriormente sulla questione e isolare il prodotto interessato».
 

 

Ultimo aggiornamento: 18:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA