Inghilterra, moglie di un terrorista Isis libera e in una casa da oltre mezzo milione di euro

Domenica 1 Agosto 2021 di francesco padoa
Inghilterra, moglie di un terrorista Isis libera e in una casa da oltre mezzo milione di euro

Caso clamoroso quello che sta suscitando molte polemiche in Gran Bretagna quello e che riguarda la 27enne Samia Hussein, ragazza britannica che ha sposato la causa jihadista (costretta realmente a sposare un combattente dell'Isis). Samia, che ha perso un braccio e un seno in un attacco aereo a Raqqa, ora vive in Inghilterra in una casa da 500.000 sterline e grazie al servizio sanitario nazionale ha ottenuto la protesi del braccio perso. 

Samia Hussein è rimasta ferita quando le forze della coalizione hanno lanciato un attacco a un negozio di armi vicino alla sua casa nella città siriana di Raqqa, che era sotto il controllo dello Stato Islamico. La 27enne, che si è unita al gruppo terroristico nel 2015, è stata arrestata quando è tornata in Gran Bretagna nel febbraio 2020. La polizia metropolitana ha spiegato che non era stata accusata di alcun reato ma è rimasta «sotto inchiesta». Non si sa ufficialmente come sia stato finanziato il braccio artificiale, ma uno dei parenti di Hussein ha detto: «Proviene dal servizio sanitario nazionale, sicuramente».

 

 

Hussein, come racconta il Daily Mail, nata e cresciuta a Londra, si è trasferita nella capitale del Kenya, Nairobi, intorno al 2012 per studiare per i suoi A-levels, vivendo con il suo patrigno. Successivamente si è iscritta a un corso di laurea in giornalismo presso la United States International University di Nairobi nel 2014, mesi dopo che l'Isis ha dichiarato l'estensione del califfato tra Siria e Iraq. Samia ha iniziato a guardare i video di propaganda jihadista con gli amici dell'università e, secondo il suo stesso racconto, è stata allo stesso tempo preparata online dai capi del terrore. Hussein ha lasciato il Kenya ed è entrata in Siria attraverso la Turchia all'inizio del 2015.

Parlando con il regista indipendente Alan Duncan, che ha realizzato un documentario in tre parti sull'Isis, ha detto che prima ha soggiornato in una "madhafa", o pensione, per le donne jihadiste, nella città di Manbij, soprannominata "Piccola Londra" a causa del gran numero di jihadisti britannici che vivono lì. Le donne appena arrivate sono state costrette a rimanere in un madhafa fino a quando non hanno sposato un uomo dell'Isis.

Terrorismo, jihadista arrestato a Salerno, intercettazioni choc: «Farò una strage a una manifestazione di donne»

Samia ha detto di aver sposato un combattente di nome Abu Suleiman, noto anche come Abu Maryam, e la coppia ha vissuto a Manbij per sei mesi prima di trasferirsi a Raqqa. Dopo l'attacco aereo, ha trascorso sette mesi in ospedale dove le è stato amputato il braccio. Ha anche perso un seno e ha riportato gravi lesioni alle gambe. Hussein è stata catturata durante la battaglia di Baghouz, l'ultima roccaforte dell'Isis in Siria, all'inizio del 2019 ed è stata detenuta nel campo di prigionia di al-Hol, gestito dai curdi nel nord della Siria nel 2019. Samia è scomparsa nel 2015 e la sua famiglia non ha avuto sue notizie per più di tre anni, hanno affermato. È stata scoperta quando la città siriana di Baghouz è caduta nelle mani delle forze sostenute dai curdi.dove è stata intervistata da Duncan a maggio.

Parlando della sua esperienza con il gruppo terroristico, ha raccontato: «Avevo 20 anni, un'età vulnerabile, e cercavo uno scopo nella vita... Ho lasciato la mia carriera di giornalista. È triste che quattro anni siano andati in malora... Ho lasciato tutto, pensando di venire per una causa migliore. Lo Stato Islamico, ti cerca, ti prende in considerazione, ti mostra il lato buono di quello che stanno facendo e tu non vedi nient'altro». Ma Hussein si è unita all'Isis in un momento in cui il gruppo aveva già catturato migliaia di donne yazide e le aveva prese come schiave del sesso.

Minacce dell'Isis a Di Maio e all'Italia: «Quella è Roma e vi entreremo senza false promesse»

Nel frattempo, il suo carnefice britannico Mohamed Emwazi, noto anche come Jihadi John, aveva decapitato cinque ostaggi occidentali davanti alle telecamere. Tali notizie orribili, trasmesse sulle tv di tutto il mondo, incluso il Kenya, venivano vista anche da Hussein. Quando le è stato chiesto della agghiacciante violenza jihadista, la ragazza ha risposto così: «Io non ho fatto nulla. Non ho avuto alcun ruolo in esso». Hussein ha detto che voleva lasciare l'Isis non appena fosse entrata in Siria, ma temeva che sarebbe stata uccisa ed è stata effettivamente trattenuta contro la sua volontà. Ma quando nella stessa intervista le è stato chiesto dell'attentato alla Manchester Arena del 2017, che ha causato la morte di 22, principalmente bambini, li ha descritti come «vittime di guerra»

«Ma non sono favorevole al fatto che la coalizione abbia bombardato bambini e donne. E non sono favorevole che vadano a fare attacchi lì». Samia ha anche raccontato a The Sun di come ha perso il braccio mentre viveva nell'inferno del califfato. «Sono entrata in casa e ricordo solo di aver visto tutto arancione, ma non mi sono accorta che ero ferita e ho provato a correre. Ma poi mi sono resa conto che il mio braccio non c'era più, il mio seno squarciato e la mia gamba  fratturata con l'intero osso uscito. L'attacco non è stato un deliberato assalto ai civili, e io incolpo lo Stato Islamico che non si fatta scrupolo di mettere nell'obiettivo i civili».

Hussein è tornata in Gran Bretagna 18 mesi fa ed è stata arrestata all'aeroporto di Heathrow in base alle leggi antiterrorismo. È stata rilasciata poco dopo il suo arresto e da allora è libera di girare per le strade della Gran Bretagna, nonostante abbia trascorso quasi cinque anni nelle file terroristiche dello Stato Islamico. Ora vive in una casa popolare di nuova costruzione con i membri della sua famiglia a West London, dove proprietà simili costano tra le 500 e le 600mila sterline.

Video

Il Ministero della Difesa la scorsa settimana l'ha rintracciata nella proprietà dove è stata vista vestire abiti occidentali moderni, a parte un copricapo islamico. Nessun tag elettronico era visibile, e questo significa che i suoi movimenti non erano monitorati dalla polizia. Riguardo alla protesi al braccio, c'è in Gran Bretagna la polemica cresce per il fatto che le 3mila sterline più le spese di consulenza e assistenza fisioterapica, sono state pagate dal servizio sanitario nazionale nel momento in cui stava soffrendo una delle peggiori crisi finanziarie a causa della pandemia Covid. Gli enti di beneficenza che sostengono le persone vittime di amputazioni affermano che il tempo medio di attesa per un nuovo arto era di circa un mese o sei settimane prima dell'epidemia di coronavirus. Ma dopo che la pandemia ha paralizzato i servizi, e i tempi di attesa sono diventati di molti mesi. 

Quando il Ministero della Difesa ha provato a parlare con Hussein a casa sua la scorsa settimana, una donna si è presentata alla porta che Samia non viveva lì. Ma sarebbe stata proprio lei a urlare dall'interno dell'abiotazione: «Chiamo la polizia se non ve ne andate». I vicini di casa assicurano che Hussein vive lì con la famiglia due anni. Un parente di Hussein, che non ha voluto essere nominato, ha detto che le era stata applicata una protesi al braccio circa un anno fa, circa tre mesi dopo il suo ritorno nel Regno Unito. «Dal suo ritorno Samia ha seguito corsi di educazione governativa», che si ritiene sia il programma di prevenzione della deradicalizzazione che i rimpatriati devono seguire. Il parente ha aggiunto: «Il governo è coinvolto comunque. Le hanno fatto il lavaggio del cervello e hanno trovato un modo per riportarla indietro dalla Siria».

Ad alimentare la polemica il deputato conservatore Tom Hunt ha dichiarato: «Se un cittadino britannico va in Siria per unirsi all'Isis, nemico dichiarato del nostro Paese, allora abdica alla cittadinanza britannica. Non gli dovrebbe essere permesso di tornare, figuriamoci essere messo in una casa popolare e ricevere cure costose dal servizio sanitario nazionale». Il deputato conservatore Andrew Bridgen ha aggiunto: «Spero solo che questa donna sia stata valutata a fondo e che non rappresenti una minaccia per la sicurezza nazionale o per i suoi vicini».

Sebbene la Gran Bretagna abbia vietato all'ex studentessa londinese Shamima Begum di tornare nel Regno Unito privandola della sua cittadinanza, a molti altri è stato permesso di tornare in silenzio nel paese. Tareena Shakil, 31 anni, un'ex operatrice sanitaria di Burton-on-Trent, nello Staffordshire, è stata arrestata con l'accusa di terrorismo dopo essere tornata dalla Siria ed è stata incarcerata per sei anni e mezzo nel 2016. Durante la sua permanenza in Siria, ha causato indignazione in Gran Bretagna pubblicando sui social le foto di suo figlio di 14 mesi che indossa una bandana jihadista.

Ad altre due donne britanniche dell'Isis è stata revocata la cittadinanza a novembre 2019, ma hanno ottenuto il diritto di tornare qui lo scorso marzo, dopo che l'Alta Corte ha ripristinato la loro nazionalità britannica. Circa 450 jihadisti britannici sono tornati nel Regno Unito dalla Siria. Un'indagine della BBC, la scorsa settimana, ha rivelato che di questi, solo 14 – meno del 3% – sono stati condannati per reati di terrorismo. Il Ministero degli Interni stima che almeno 950 estremisti britannici si siano uniti alla jihad siriana.

 

Ultimo aggiornamento: 2 Agosto, 10:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA