Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

New York, la dinamica: la bomba lanciata sulla banchina, poi gli spari sulla folla. Ecco cosa sappiamo

Martedì 12 Aprile 2022
Sparatoria a New York, la dinamica dell'attacco

Un uomo ha lanciato una bomba nella stazione della metropolitana, poco prima delle 8.30, nell'ora di punta a New York e poi ha aperto il fuoco. Sarebbe questa, secondo della polizia di New York, la diamica della sparatoria di oggi avvenuta in metropolitana.

I testimoni che parlano di un uomo, secondo alcuni afroamericano, che indossava una maschera anti-gas e un gilet arancione, abiti simili a quelli degli addetti della Mta, la metropolitana di New York.

 

La testimone «Sembrava un lavoratore della metro» 

«Ho pensato che fosse un lavoratore del Mta all'inizio e non ho prestato grande  attenzione», ha raccontato al New York Post Clair, che descrive l'uomo come un «afroamericano di alto circa 1,65 e sui 77 kg che indossava un gilet arancione ed una maschera anti-gas» che ha lanciato «una sorta di cilindro che ha fatto una scintilla». La donna ha detto che l'uomo ha sparato così tanti colpi «di aver perso il conto, erano tanti, non so dire quanti».

Ultimo aggiornamento: 20:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA