Oligarchi russi, cosa accade a yacht e ville sequestrate? Per le barche paga lo Stato, la custodia spetta al Demanio

Un apposito fondo per la gestione dei beni non redditizi. Costi enormi: a bordo deve rimanere l'equipaggio

Il sequestro del "Lady M" al porto di Imperia
Il sequestro del "Lady M" al porto di Imperia
di Luca Cifoni e Valentina Errante
Domenica 6 Marzo 2022, 08:12 - Ultimo agg. 8 Marzo, 13:47
3 Minuti di Lettura

Cosa succede ai beni degli oligarchi russi congelati? E chi pagherà le spese relative agli yacht, che possono essere ingenti? Gli interventi decisi dal Comitato di sicurezza finanziaria (presieduto dal direttore generale del Tesoro) ed eseguiti dalla Guardia di Finanza si basano su una norma del 2007, già applicata in altre situazioni in cui a livello internazionale sono state decise misure di contrasto al terrorismo, ad esempio nel caso si Al Qaeda e dei Talebani. Ma è soprattutto la gestione dei mega yacht a creare un problema, anche di spese che comporta.
Il decreto legislativo 109 disciplina tutta la procedura ed anche la custodia, la gestione e l'amministrazione delle risorse economiche congelate. Compito che spetta all'Agenzia del Demanio, la quale, sulla base della relazione trasmessa dal nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza (o anche di altre informazioni disponibili) decide se provvedere direttamente oppure nominare un custode o un amministratore. In entrambi i casi è possibile gestore tutti gli atti di ordinaria amministrazione, mentre per le situazioni straordinarie è necessario richiedere il parere dello stesso comitato di sicurezza finanziaria.
Per quanto riguarda le spese, l'articolo 12 prevede che quelle «necessarie o utili per la conservazione e l'amministrazione dei beni sono sostenute dall'Agenzia del demanio o dall'amministratore mediante prelevamento dalle somme riscosse a qualunque titolo». Dunque se le attività sequestrate sono in qualche modo redditizie, verranno usati questi fondi. Se però «dalla gestione dei beni sottoposti a congelamento non è ricavabile denaro sufficiente per il pagamento delle spese» allora il Demanio o l'amministratore attingeranno ad un apposito fondo nel bilancio dello Stato «con diritto di recupero nei confronti del titolare del bene in caso di cessazione della misura di congelamento».

Zelensky, la villa da 4 milioni a Forte dei Marmi messa in vendita? Il sindaco: «Qui nessuno lo ha mai visto»


GLI YACHT
Non si tratta di semplici panfili, per questo la gestione degli yacht sequestrati agli oligarchi russi ha un costo enorme.

Innanzitutto l'ormeggio, che in un porto come quello Imperia, dove è stata bloccata Lady M, una barca di 65 metri, costa tra i 400 e i 500 euro al giorno senza utenze. Il costo di permanenza, con luce e acqua, lievita più del doppio. Ma c'è anche un problema di sicurezza, per questo, secondo le norme, le imbarcazioni così grandi devono avere sempre a bordo un capitano, che in caso di natanti superiori alle 500 tonnellate deve avere una specializzazione e ha uno stipendio medio tra i 12 e i 15mila euro al mese, poi un direttore di macchina, anche lui abilitato per motori superiori ai 500 Kw, (circa 8mila euro al mese) e quattro uomini di equipaggio, che hanno uno stipendio medio mensile di circa 4mila euro. Difficilmente l'amministratore nominato dall'Agenzia del Demanio potrà mettere a frutto questi beni e coprire i costi. L'unica, remota, ipotesi, potrebbe essere quella di organizzare charter di lusso. Ma non sarà facile.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA