Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gli oligarchi russi scappano alle Maldive ed evitano le sanzioni: il paradiso che protegge gli yacht dei super ricchi

I miliardari di Mosca stanno trovando le contromisure per evitare il congelamento dei beni

Giovedì 7 Aprile 2022
Gli oligarchi scappano alle Maldive ed evitano le sanzioni: il paradiso che protegge gli yacht dei super ricchi

Alle Maldive i super yacht degli oligarchi sono al sicuro. Le isole del Pacifico si stanno rivelando un porto sicuro per i super ricchi in fuga dalle sanzioni di Usa e Europa. L'esempio, riporta "Reuters", è il miliardario Andrey Melnichenko, che con il suo Yacht A si è diretto verso le Maldive e ha smesso di trasmettere i dati sulla sua posizione, facendo perdere le tracce. In Italia, quattro giorni dopo, le autorità hanno sequestrato un'altra delle navi di Melnichenko: lo yacht a vela più grande del mondo, stimato dalla Guardia di Finanza italiana in 578 milioni di dollari.

Il governo delle Maldive si è allineato alla posizione dei Paesi che hanno condannato l'attacco della Russia all'Ucraina, ma per loro le possibilità di azione contro le proprietà degli oligarchi sanzionati sono comunque scarse. E, come Melnichenko, altri oligarchi stanno viaggiando (o sono già arrivati) verso le isole a sud-ovest dell'India con le loro imbarcazioni, così da metterle al sicuro. Secondo i dati forniti dal sito "MarineTraffic", che segnala le posizioni delle navi in tempo reale, almeno tre yacht hanno oscurato le loro posizioni o si sono spostati in acque internazionali.

Mosca più vicina al default. «No ai bond pagati in rubli», il rifiuto delle banche internazionali

«In acque internazionali nessuno può toccarli»

L'idea di sequestrare gli yacht è «inverosimile», perché il sistema legale delle Maldive non è sufficientemente solido, ha affermato in un'intervista il procuratore capo del paese, Hussain Shameem, aggiungendo che le autorità non potrebbero confiscare facilmente le navi in ​​visita, a meno che non sia stato commesso un crimine. 

Abdul Hannan gestisce Seal Superyachts Maldives, fornendo carburante e cibo agli armatori, compresi i clienti russi. Hannan ha affermato che i costi degli yacht in genere ammontano a centinaia di migliaia di dollari a settimana e che circa la metà dei suoi clienti sono russi. «Per il momento, stanno cercando di mantenere gli yacht in acque internazionali», dove possono potenzialmente rimanere inattivi per mesi. Così nessuno può toccarli», ha spiegato. Ma questo è solo uno degli escamotage. Gli oligarchi stanno studiando le scappatoie per evitare le sanzioni e, in molti casi, ci stanno riuscendo.

 

Ultimo aggiornamento: 14:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA