Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, i cinesi fanno test anche sui pesci al mercato di Shanghai (e il video fa milioni di visualizzazioni)

Nelle immagini degli operatori sanitari dotati di tute di protezione eseguono un test Pcr su un pesce di grandi dimensioni

Venerdì 1 Aprile 2022
Omicron, i cinesi fanno test anche sui pesci al mercato di Shanghai (e il video fa milioni di visualizzazioni)

Il Covid, nella sua variante Omicron, ancora più contagiosa di quella conosciuta a Wuhan nel dicembre del 2020 continua a destare preoccupazione in Cina. A Shanghai, città particolarmente colpita dal contagio, si iniziano a fare test anche sugli animali: nelle ultime ore è diventato virale sui social un video in cui alcuni operatori sanitari testano un pesce nel mercato del fresco della città.

Cina, test al mercato sugli animali

Era stato proprio il mercato due anni fa a diventare il primo luogo sospettato di essere culla del Covid-19. È qui che all'incontro di un gran numero di persone si unisce la convivenza con altre specie animali, non immuni dal virus e che potrebbero essere, al contrario, suoi primi organismi ospite. 

Cina in lockdown: nella Wall Street di Shanghai 20.000 lavoratori dormono in ufficio per non fermarsi

A Shanghai è tanta la paura che gli animali venduti al mercato possano diventare veicolo di contagio. Nel video in questione, degli operatori dotati di tute di protezione eseguono un test a un pesce di grandi dimensioni, senza non poche difficoltà a tenere aperta la sua grande bocca. «Per favore non mollare la presa», si sente nel video. 

Difficile verificare se quello del filmato sia una caso isolato o un'operazione sistematica eseguita dalle autorità sanitarie locali, ma ciò che è certo è che non è la prima volta che la Cina estende i propri controlli anti contagio al mondo ittico e alimentare. 

Lo scorso novembre il Paese aveva sospeso le importazioni di prodotti alimentari congelati con l'intento di arginare la diffusione del Covid.

Ma non solo pesci, altri video virali mostrano l'esecuzione di test Pcr anche su suini.

Shanghai in lockdown 

Nel frattempo la città di Shanghai ha riportato giovedì altri 358 casi confermati di Covid-19 e 4.144 ulteriori portatori asintomatici di trasmissione interna. L'area occidentale della città, quella di Puxi, nelle ultime ore è entrata in lockdown coinvolgendo oltre 16 milioni di residenti nei test dell'acido nucleico contro la variante Omicron.

 

L'hub finanziario cinese ha finora condotto due round di test di massa nella parte orientale di Pudong e Punan in 4 giorni, prelevando oltre 18 milioni di campioni. I dati preliminari hanno mostrato una diminuzione di contagi nel secondo ciclo rispetto al primo, hanno riferito le autorità locali. Shanghai ha rafforzato le sue misure di prevenzione anti- Covid dopo un incontro di 3.000 funzionari, promettendo una strategia di «gestione statica dell'intera regione» (controlli a tappeto), a correzione di un primo approccio di verifiche selettive che ha evidenziato la sorpresa della città di fronte alla pericolosità di Omicron.

Ultimo aggiornamento: 11:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA