Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Petrolio russo, quanto paga l'Europa a Mosca? Ecco perché Putin non può fare a meno dell'Ue (e dell'Italia)

L'Italia importa dalla Russia il 12% dei prodotti petroliferi. Come la Gran Bretagna, che ha ordinato l'embargo

Martedì 8 Marzo 2022
Quanto paga l'Europa alla Russia per il petrolio? Perché Putin non può fare a meno dell'Ue (e dell'Italia)

«Abbiamo messo l'embargo al petrolio russo, consapevoli che molti dei nostri alleati europei non sono in condizioni di farlo». In questa frase del presidente americano Joe Biden, c'è molto del perché Putin continua a tenere per la gola l'Europa, che resta prima finanziatrice di Mosca.

Mentre gli Stati Uniti dipendevano solo in parte minima dal petrolio russo (e ora si rivolgeranno al Venezuela), i Paesi dell'Ue continuano a pagare 285 milioni di dollari al giorno per ricevere il petrolio dalla Russia, svela un'analisi del think tank Transport & Environment (T&E). Un costo che, dopo l'embargo di Stati Uniti e Gran Bretagna, è destinato a salire. 

Biden: «Stop a import di gas e petrolio da Mosca». Embargo anche in Gb

Europa in trappola e il prezzo del carburante sale

Di fatto, l'Europa resta tra le principali finanziatrici della campagna militare russa in Ucraina, sebbene provi a combatterla con sanzioni, che però non intaccano l'energia. Lo studio ha stimato che la Russia ha ricevuto 104 miliardi di dollari dalle sue esportazioni di greggio, benzina e diesel in Europa lo scorso anno, più del doppio dei 43 miliardi di dollari che ha preso dalle spedizioni di gas, riporta il "The Guardian".

«Il gas è comprensibilmente una preoccupazione, ma è il petrolio che finanzia la guerra di Putin», ha affermato William Todts, direttore di T&E. «Fare affidamento su di esso lascia gli europei pericolosamente esposti all'aumento dei prezzi in un mondo sempre più incerto». La dipendenza dell'Europa dalla Russia per circa un quarto delle sue importazioni di greggio ha contribuito a stimolare la pressione degli Stati Uniti per un divieto di importazione.

 

Le importazioni in percentuali: per l'Italia il 12%

Dalla Russia arrivano quasi quattro barili di petrolio su cinque in Slovacchia e due terzi di quelli in Polonia, Lituania e Finlandia. La Germania importa da Mosca il 29,7% dei prodotti petroliferi. Il Regno Unito e l'Italia importano circa il 12% dei loro prodotti petroliferi dalla Russia, mentre in Portogallo la cifra è solo del 4%. 

Ultimo aggiornamento: 9 Marzo, 06:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA