Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin sotto pressione: dà ordini personalmente agli ufficiali sul campo. «Vuole accelerare la guerra»

Venerdì 23 Settembre 2022 di Mauro Evangelisti
Putin accelera la guerra: scavalca i generali e dà ordini agli ufficiali sul campo di battaglia

Le sconfitte e le perdite di vasti territori che erano stati conquistati nella regione di Kherson all'inizio dell'invasione; una guerra che doveva essere lampo e si sta trasformando in un pantano "afghano"; il crescente effetto delle sanzioni economiche; un rapporto che si è fatto sempre più gelido con i Paesi in cui pensava di trovare sostegno, a partire dalla Cina. Ecco la sintesi di come sta andando la guerra in Ucraina e ora Putin sta reagendo.

Putin e l'accentramento del potere 

Di fronte a una situazione sempre più deludente, con i falchi che fanno pressioni e una parte sia pure minoritaria dell'opinione pubblica che protesta o fugge per evitare l'arruolamento di massa, Vladimir Putin ha reagito con il riflesso condizionato tipico degli autocrati: non si fida più di nessuno e punta ad accentrare il potere dirigendo in prima persona le operazioni militari.

Dopo avere rimosso, per mesi, i generali, ora li scavalca decidendo da Mosca le mosse sul campo. A rivelarlo sono due fonti della Cnn, all'interno dei servizi segreti occidentali: è Putin a impartire ordini tattici agli ufficiali in Ucraina. Non proprio il massimo per un esercito moderno. Nelle intercettazioni in possesso delle intelligence occidentali, si sentono i generali lamentarsi per gli ordini arrivati direttamente da Mosca.

 

La mossa di un autocrate in difficoltà

Anche la scelta di ricorrere all'arruolamento di massima, con una mobilitazione che a parole riguarda 300mila civili (persone che in passato hanno prestato servizio militare e hanno ricevuto un sommario addestramento) ma secondo gli analisti interesserà un milione di uomini (per questo chi può, soprattutto i giovani di famiglie ricche, sta fuggendo all'estero), appare la mossa di un autocrate in evidente difficoltà, visto che aveva promesso al suo popolo di prendere Kiev in pochi giorni. Ora si tratta di capire come questa accelerazione possa cambiare le sorti del conflitto, dell'Ucraina e della Russia. E forse del mondo. 

Ultimo aggiornamento: 12:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento