Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin, la giornata tipo (e anomala) dello zar: sveglia tardi, colazione a prova di veleno, due ore in piscina e poi nello studio senza pc

Il timore di essere tradito, le abitudini, la vita dello Zar

Domenica 20 Marzo 2022 di Simone Pierini
Putin, la giornata tipo (e anomala) dello zar: sveglia tardi, colazione a prova di veleno, due ore in piscina e poi nello studio senza pc

Una giornata tipo che forse in pochi si aspettavano. Anomala. È la vita dello Zar, all'insegna di tempi lunghi, paranoie in ogni angolo dei suoi ambienti, pasti distribuiti in orari poco consoni. Vladimir Putin è solito dormire molto la mattina. Secondo Ben Judah, un membro anziano del Consiglio Atlantico e autore di "Fragile Empire: How Russia Fell In and Out of Love with Vladimir Putin", il presidente russo non si alza dal letto prima di mezzogiorno. E in attesa del suo arrivo a tavola per la colazione il suo team di sicurezza personale provvede ad assaggiare tutto il cibo che sta per essergli servito. La paura di essere fatto fuori da un traditore interno è uno dei sentimenti che più lo rincorrono. La ricotta non manca mai, insieme a una frittata o un porridge. Accompagnati da un succo di frutta. E solo poco più tardi da un caffé. 

Poi si va in piscina. La cura del suo corpo, della sua immagine, è una delle caratteristiche principali dello Zar. Ma in acqua, dove nuota per almeno due ore prima di andare in palestra, ama riflettere e programmare i suoi impegni. Decidere le prossime mosse. Mentre si allena le tv trasmettono i telegiornali nazionali. Così Putin si informa, o meglio ascolta le informazioni che il Cremlino accetta che vengano diffuse. 

Messa da parte la fase atletica, il presidente russo si reca finalmente in ufficio, quando ormai è arrivato il primo pomeriggio. Lì inizia a lavorare con il suo team che porta note informative e giornali sulla sua pesante scrivania di legno, senza alcun computer. Temendo eventuali falle di sicurezza online, tutto viene condotto su carta in cartelle rosse. Le telefonate vengono effettuate esclusivamente su telefoni fissi dell'era della guerra sovietica.

Putin è ossessionato dalle informazioni che arrivano da più parti, tutte rilegato in una grossa cartella di pelle. Includono un rapporto sul fronte interno, gli affari internazionali e la corte. Poi si tratta di rispolverare le notizie del giorno con i popolari tabloid russi e i giornali a lui meno graditi. I cortigiani del leader raccontano come ami leggere le colonne scritte su di lui da Andrey Kolesnikov su Kommersant.

Le abitudini alimentari per il resto della giornata sono meno chiare ma la Pravda afferma come lo Zar si attenga a una dieta super salutare a base di pomodori, cetrioli e lattuga. E nonostante ami il montone più di ogni altra carne, il suo piatto preferito è il pesce. Completamente fuori menù invece il dolce. 

Ultimo aggiornamento: 23 Marzo, 11:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA