Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Putin va impiccato»: l'affondo del magnate russo del gas Igor Volobuev che ha disertato per combattere con gli ucraini

Il vicepresidente della Gazprombank è fuggito dalla Russia per arruolarsi con le forze ucraine

Lunedì 2 Maggio 2022
«Putin va impiccato»: l'affondo del magnate russo del gas Igor Volobuev che ha disertato per combattere con gli ucraini

«Putin deve essere processato e impiccato» per i crimini di guerra commessi nella campagna di invasione dell'Ucraina. A sollecitare la pena capitale per il presidente russo, azione da compiere «ma solo in conformità con la legge», è Igor Volobuev, vicepresidente della Gazprombank di proprietà statale. Il magnate e alto dirigente che pochi giorni fa  aveva di essere fuggito dalla Russia per combattere al fianco delle forze ucraine -  diventando così il quarto alto dirigente o funzionario noto ad aver fatto una brusca uscita dal paese - non usa mezzi termini parlando dello Zar.  

Moldavia, la Russia ha già un piano per l'invasione? Kiev: «Pronto lo scenario Donbass»

«Putin deve essere impiccato»

Volobuev ha trascorso più di venti anni al servizio del colosso statale del gas Gazprom, dove è salito a una posizione di rilievo come vicepresidente della banca di proprietà dell'azienda. Ma sapeva di non poter sostenere l'invasione mentre guardava orribili video di bombardamenti girati dai suoi amici d'infanzia in Ucraina, ed è fuggito dal paese alla fine di febbraio.

Le parole del magnate

La scorsa settimana è ricomparso a Kiev e ha deciso di parlare pubblicamente della sua decisione di disertare. «La vita che avevo prima della guerra non esiste più e non mi dà davvero fastidio», ha detto al Telegraph. Nato a Okhtyrka, in Ucraina, Volobuyev ha ricevuto la cittadinanza russa dopo la caduta dell'Unione Sovietica. Pur avendo sostenuto Putin nel 2012, dopo l'annessione della Crimea - ha raccontato - gli ha aperto gli occhi sull'atteggiamento dello Zar nei confronti del suo paese d'origine.

La diserzione

Dopo la diserzione, non ha più cittadinanza, il suo conto in banca è stato cancellato come "rimborso" per il suo tradimento e i suoi tentativi di arruolarsi nell'esercito volontario a Kiev sono stati respinti. Afferma di non essere l'unico magnate russo scontento delle azioni del Cremlino: «Conosco persone le cui opinioni sono molto diverse da quelle che dicono pubblicamente». Sentendo il bisogno di "pentirsi" per il suo passato al servizio dello stato russo, ora vuole persuadere gli investitori stranieri ad aiutare a ricostruire la sua città natale che è stata decimata dai bombardamenti. E insiste: «Putin deve essere processato e impiccato». 

Ultimo aggiornamento: 14:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA