Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin, la clausola per cacciare Lituania, Lettonia ed Estonia dalla Nato. «Territori contesi non possono essere inclusi»

Sabato 18 Giugno 2022 di Alessandro Rosi
Putin, la clausola per espellere Lituania, Lettonia ed Estonia dalla Nato. «Territori contesi non possono essere inclusi»

C'è una clausola che potrebbe permettere a Putin di evitare un'espansione della Nato. Con l'annuncio da parte della Svezia e della Finlandia di voler entrare a far parte dell'Allenza Atlantica, la Russia teme che altri Paesi possano seguire l'esempio delle nazioni scandinave. Creando così un effetto domino. Ma ci potrebbe essere un modo per impedire che gli attuali Paesi membri della Nato (30) crescano. 

Ucraina, la bozza del M5S: «Basta invio di nuove armi a Kiev». Di Maio: «Così a rischio la sicurezza dell'Italia»

La clausola dell'Alleanza Atlantica

È la clausola numero sei della Carta della Nato che viene incontro ai piani russi. In questa, come riportato dal deputato della Duma di Stato Yevgeny Fedorov «i territori contesi non possono essere inclusi nell'alleanza». E ciò vuol dire, secondo il politico, che «non appena i territori dei Paesi baltici saranno riconosciuti come contesi, ciò diventerà la base per l'esclusione dei Paesi baltici dalla Nato». Ma prima occorre un passaggio fondamentale.

La premessa necessaria

Per poter considerare Lituania, Lettonia ed Estonia come nazioni contese, è necessario che Mosca revochi prima il riconoscimento dell'indipendenza delle nazioni ex sovietiche. Il deputato della Duma di Stato Yevgeny Fedorov ha dichiarato a un organo di informazione lettone che l'inversione della decisione della Russia di riconoscere gli Stati baltici come sovrani creerebbe presumibilmente basi legali per costringere l'alleanza a deviare verso i confini del 1997.

I passi verso l'esclusione

La scorsa settimana Fedorov ha presentato un disegno di legge che prende di mira la sovranità della Lituania, sostenendo che essa ha lasciato illegalmente l'Unione Sovietica più di tre decenni fa. La Lituania è stata la prima repubblica ad annunciare di voler ripristinare la propria indipendenza dall'URSS in disfacimento nel marzo 1990, dopo essere stata sotto il controllo sovietico dal 1940. Mosca, sotto il presidente Mikhail Gorbaciov, ha riconosciuto la sovranità della Lituania nel settembre 1991. Fedorov ha affermato che la Lituania era il primo obiettivo della Russia per la NATO, in quanto rappresentava la più grande minaccia per Mosca, e ha affermato che era "la porta della NATO verso i Baltici".

La minaccia

Fedorov ha minacciato che se la Russia decidesse di revocare il riconoscimento degli Stati baltici indipendenti, la NATO dovrebbe espellerli dall'alleanza o accettare l'inizio di una "terza guerra mondiale". La NATO non ha commentato pubblicamente la potenziale mossa della Russia di revocare il riconoscimento della sovranità degli Stati baltici. Ma in un discorso di mercoledì, il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg si è impegnato a rafforzare gli sforzi per la sicurezza all'interno dell'alleanza e oltre.

 

E la Nato come reagirebbe?

Nonostante le minacce della Russia agli alleati della NATO, gli esperti hanno dichiarato a Fox News che non c'è alcuna possibilità che Mosca sia in grado di imporre l'adesione alla NATO. "In primo luogo, la NATO non "caccerebbe" nessuna nazione dall'Alleanza.  La NATO è il risultato di un trattato, il Trattato di Washington, quindi l'unico modo per un membro della NATO di lasciare l'Alleanza è per sua scelta", ha detto l'ex vice segretario alla Difesa per l'Europa e la NATO, Michael Ryan. "In secondo luogo, gli Stati Uniti non hanno mai riconosciuto l'incorporazione degli Stati baltici nell'Unione Sovietica.

Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 16:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA