Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin a corto di soldati, le rivelazioni dalla Russia: «In centinaia si rifiutano di andare al fronte»

Venerdì 13 Maggio 2022
Soldati russi in Ucraina

Se la Russia introdurrà la legge marziale, sarà anche per le difficoltà di trovare nuovi soldati da arruolare. «Centinaia e centinaia» di loro si rifiutano di combattere in Ucraina, secondo il racconto di Mikhail Benyash, l'avvocato che sostiene i renitenti, intervistato dal "Guardian". La scelta del Cremlino di non chiamare la guerra con il suo nome, ma definirla «operazione speciale», permette ai potenziali soldati di rifiutare l'ingaggio, rischiando al massimo il licenziamento. 

 

Putin cosa farà adesso? Opzione "guerra totale" lontana, quali scelte gli restano (e la possibile exit strategy)

 

Russia a corto di soldati, le difficoltà dell'esercito

La scarsità di soldati di fanteria sta emergendo come uno dei problemi più importanti da affrontare per il Cremlino. «I comandanti minacciano di mandare in carcere i soldati, ma noi spieghiamo loro che possono dire di no», racconta Benyash, il cui studio legale è stato contattato da «centinaia e centinaia di soldati».

Le conseguenze

«Non vi sono basi legali per avviare una causa penale se un soldato rifiuta di combattere fuori dal territorio russo» visto che non è stata dichiarata una guerra, spiega. «È subito diventato chiaro che non tutti erano d'accordo. Molti di noi semplicemente non ci volevano tornare. Io voglio tornare a casa. Non in una bara», ha detto uno dei soldati che hanno deciso di non partire per l'Ucraina. I superiori «erano furiosi, ma si sono dovuti calmare perché non c'era molto che potessero fare», ha detto al Guardian. Il soldato è stato ora trasferito a Belgorod, in territorio russo, e lì intende rimanere fino a giugno, quando scadrà il suo contratto di cinque anni con l'esercito.

 

La sua storia, scrive il quotidiano britannico, sottolinea quello che secondo molti esperti è fra i principali problemi della Russia in Ucraina, la carenza di soldati di fanteria. Al momento dell'invasione sono stati schierati 150mila uomini, l'80% delle truppe di terra, ma da allora l'esercito deve confrontarsi con un alto numero di perdite e il morale basso delle truppe. Il presidente russo Vladimir Putin «deve prendere una decisione sulla mobilitazione nelle prossime settimane» - dice l'analista militare Rob Lee - La Russia non ha sufficienti unità di terra con soldati a contratto per una rotazione sostenibile. Le truppe stanno diventando esauste». I mercenari non bastano, mentre una mobilitazione generale o un ricorso ai soldati di leva, manderebbero al fronte militari poco addestrati e potrebbero creare scontento nell'opinione pubblica interna.

 

Ultimo aggiornamento: 15 Maggio, 08:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA