Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Civili come scudi umani, la denuncia ucraina: a Obukhovychi l'ennesimo orrore dei soldati di Putin

La "Bbc" ha raccolto le testimonianze dei cittadini del villaggio a nord di Kiev, terrorizzati dalla brutalità degli invasori

Giovedì 7 Aprile 2022
Obukhovychi, l'orrore dell'esercito russo: «Civili ucraini presi dentro le case e usati come scudi umani per proteggersi»

Uccisioni, violenze, stupri, massacri. La guerra in Ucraina sta cancellando tutte le lezioni apprese in Europa dopo il nazismo. La brutalità, raccontata da istantanee e storie quotidiane, non ha linea di confine. Mariupol, Mykolaiv, Bucha, Hostomel, sono solo alcune delle città dilaniate dal conflitto. A Obukhovychi, villaggio a nord di Kiev, gli abitanti del villaggio affermano di essere stati portati via dalle loro case sotto la minaccia delle armi e tenuti in ostaggio in una palestra scolastica dai russi, che cercavano di fermare l'avanzata delle forze ucraine. 

Igor Belanov, dal Pallone d'Oro alla guerra: l'ex attaccante dell'Urss al fronte per l'Ucraina

Mamme ucraine scappano da Mariupol a piedi con i loro bambini: «Cento chilometri in 8 giorni, avevamo solo acqua e biscotti»

L'orrore di Obukhovychi 

La notte del 14 marzo, racconta la "BBC", i soldati russi a Obukhovychi sono stati attaccati dall'esercito ucraino. E i cittadini hanno raccontato tutti la stessa storia terribile: le famiglie hanno descritto come i soldati russi siano andati porta a porta, li hanno radunati sotto la minaccia delle armi e li hanno condotti alla scuola locale, per usarli come scudi umani. Sperando di essere risparmiati, molti di loro hanno scritto la parola "persone" davanti al cancello. Ma in realtà quelle scritte sono state delle calamite per i soldati, che cercavano civili con cui difendersi. Circa 150 civili, tra anziani e bambini piccoli, sono stati portati dalle loro cantine alla scuola.

Come a Obukhovychi, le stesse terribili storie sono arrivate da altre città. Il disastro umano di Bucha, con i corpi sparsi in strada e schiacchiati dai tank, è solo una parte del racconto per cui molti leader chiedono il processo a Putin per crimini di guerra. Dal Cremlino continuano a respingere le accuse, definendolo false. Per il momento, lo zar resta intoccabile.

 

Ultimo aggiornamento: 17:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA