Spagna, elezioni: si dimette Albert Rivera, leader di Ciudadanos crollato da 57 a 10 seggi

Lunedì 11 Novembre 2019
Spagna, elezioni: si dimette Albert Rivera, leader di Ciudadanos crollato da 57 a 10 seggi

Albert Rivera: «Lascio la politica». Lo ha annunciato l'ormai ex leader di Ciudadanos all'indomani del voto in Spagna, dopo aver annunciato le dimissioni dalla presidenza di Ciudadanos. Una decisione «personale, in coerenza con ciò che sono», ha detto Rivera che ha guidato il movimento politico dai suoi albori 13 anni fa. «Voglio essere felice, lo sono stato però adesso lo sarò fuori dalla politica», ha detto.

Elezioni Spagna, vince Sanchez senza maggioranza. Popolari in crescita, exploit Vox
Elezioni Spagna, l'ultradestra blocca Sanchez: il futuro dipende da catalani e popolari

«Mi dimetto affinchè un congresso nazionale elegga il futuro del progetto». Rivera ha ribadito che si assume «tutta la responsabilità personale» della sconfitta nel voto di ieri. Ciudadanos esce dalle urne ridimensionato a soltanto 10 seggi, rispetto ai 57 della precedente legislatura.

Rivera, 39 anni (ne compirà 40 il prossimo 15 novembre) si è imposto negli ultimi anni come una delle principali figure politiche in Spagna. Da avvocato, a Barcellona, nel 2006 fu coinvolto in una piattaforma politica «sconosciuta e in cui nessuno credeva» ha raccontato lui stesso. Un'iniziativa che è diventata poi un movimento ed un partito, alla ricerca di uno spazio di centro nel panorama politico spagnolo, liberale, e nato con una spiccata connotazione catalana, proponendo un approccio intransigente alla questione indipendentista. Ciudadanos entrò così in parlamento nel 2015, e con un certo clamore per le sue caratteristiche di novità e freschezza proprio mentre diventava evidente una crisi profonda nella politica spagnola, che ha portato al lungo periodo di instabilità e anche all'attuale stallo.

Ultimo aggiornamento: 13:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA