Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Spia russa cerca di entrare in Olanda, le autorità: «Ha provato a rubare informazioni sui crimini di guerra»

Il 36enne Sergey Vladimirovich Cherkasov si era finto uno stagista brasiliano. Storia di copertura costruita in 12 anni.

Venerdì 17 Giugno 2022 di Alessandro Rosi
Spia russa cerca di entrare nel tribunale dei crimini di guerra fingendosi stagista brasiliano

Dietro la guerra combattuta in Ucraina ce n'è una di spionaggio. E la Russia è pronta a tutto per cercare di estorcere informazioni preziose per il conflitto in corso. Una spia russa è stata bloccata mentre stava cercando di infiltrarsi nella Corte penale internazionale all'Aia: il tribunale che sta indagando anche sui crimini di guerra nella terra invasa dallo Zar. Ad annunciarlo l'Olanda in un comunicato stampa. L'episodio sarebbe avvenuto giovedì passato.

Putin, il discorso oggi a San Pietroburgo: «È finita l'era del mondo dominato dagli Usa. Gli obiettivi in Ucraina saranno raggiunti»

Spia russa in Olanda, chi è  

Il russo, identificato come Sergey Vladimirovich Cherkasov, 36 anni, è volato nei Paesi Bassi ad aprile utilizzando un'elaborata storia di copertura costruita negli ultimi 12 anni. Ma le autorità olandesi hanno dichiarato di aver scoperto la sua falsa identità di cittadino brasiliano di 33 anni, Viktor Muller Ferreira, e lo hanno smascherato come agente dell'intelligence militare GRU di Mosca. Cherkasov è stato messo sul volo successivo per il Brasile, dove la polizia ha detto che è stato arrestato per frode di identità.

Putin come Hitler, dall'isolamento al rifiuto di critiche e consigli: «Finirà come il Fuhrer»

Informazioni «altamente preziose»

Gli olandesi hanno dichiarato che Cherkasov avrebbe potuto accedere a informazioni "altamente preziose" sull'indagine della CPI sui crimini di guerra in Ucraina o addirittura influenzare i procedimenti penali presso il tribunale dell'Aia. Il capo del Servizio Generale di Intelligence e Sicurezza olandese, o AIVD, ha dichiarato che è "molto raro" catturare un agente russo "di questo calibro".

"Il GRU ha impiegato anni per creare questa falsa identità. È uno sforzo enorme", ha dichiarato Erik Akerboom, citato dall'agenzia di stampa olandese ANP. Cherkasov era un cosiddetto "clandestino" - nel gergo delle spie un agente che ha vissuto all'estero sotto falsa identità per anni - la cui "identità di copertura ben costruita" nascondeva tutti i legami con la Russia, ha detto l'AIVD. Le autorità olandesi hanno persino pubblicato un documento di quattro pagine che illustra la "leggenda" di Cherkasov, probabilmente scritto dallo stesso Cherkasov intorno al 2010.

 

Soprannominato "il Gringo"

Il documento, molto dettagliato e redatto in portoghese - ma con errori grammaticali - include storie sul suo passato, tra cui il suo presunto rapporto travagliato con i genitori, il suo odio per il pesce e la sua cotta per un'insegnante. Cerca anche di nascondere i dubbi sulle sue origini brasiliane, dicendo che era soprannominato "Gringo" perché "sembrava un tedesco" e include gli indirizzi completi di un ristorante di Brasilia con il "miglior stufato marrone della città" e di un club di musica trance, in un apparente tentativo di sostenere la sua storia di copertura. I servizi segreti olandesi, tuttavia, hanno individuato in lui una "minaccia per la sicurezza nazionale" e hanno informato il servizio immigrazione. 2"Per questi motivi, in aprile all'agente dei servizi segreti è stato negato l'ingresso nei Paesi Bassi ed è stato dichiarato inaccettabile. È stato rimandato in Brasile con il primo volo", ha dichiarato l'AIVD. Il tirocinio del russo gli avrebbe permesso di accedere agli edifici e ai sistemi della CPI in un momento in cui questa sta indagando sui crimini di guerra in Ucraina, compresi i presunti crimini russi dopo l'invasione del 24 febbraio.

Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 12:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA